Efficacia del gaming nella depressione giovanile

Un’analisi condotta dall’Università di Birmingham e pubblicata dalla rivista BJPsych Open suggerisce che l’uso di giochi seri come forma di intervento terapeutico possa ridurre i livelli di depressione tra i giovani. 

I ricercatori hanno condotto una revisione sistematica e una meta-analisi sull’efficacia degli interventi di gioco per il trattamento della depressione o dell’ansia in individui di età compresa tra 12 e 25 anni. 

I giochi usati a scopo terapeutico per la salute mentale possono essere di diverse categorie: ci sono gli exergame (giochi che implicano lo sforzo fisico come forma di esercizio), i giochi di realtà virtuale (che utilizzano simulazioni generate al computer di un ambiente tridimensionale, consentendo interazione dell’utente), i giochi basati sulla terapia cognitiva, giochi di intrattenimento (volti a dare al giocatore un senso di piacere, che potrebbe aiutare con la motivazione e l’apprendimento), il biofeedback (monitoraggio elettronico di un funzione che viene restituita all’individuo, solitamente come mini-gioco, per un migliore controllo volontario di detta funzione fisiologica) e giochi di allenamento cognitivo (volti a migliorare alcune funzioni cognitive, come la memoria).

Gli autori hanno incluso nell’analisi dodici studi (sette studi randomizzati controllati e cinque studi non randomizzati). I risultati degli studi randomizzati e controllati indicavano un effetto statisticamente significativo e robusto a favore dell’intervento terapeutico nel trattamento della depressione giovanile. Dagli studi non randomizzati è emerso un effetto del gaming che però non era statisticamente significativo. Non è stato riscontrato alcun effetto statisticamente significativo per il trattamento dell’ansia. 

Ci sono dunque, secondo gli autori, prove preliminari che suggeriscono che gli interventi di gioco sono un trattamento efficace per la depressione giovanile, ma non per l’ansia. Sottolineano comunque che sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire l’utilità, l’accettabilità e l’efficacia degli interventi di gioco nel trattamento dei problemi di salute mentale nei giovani.

Fonte: BJPsych Open. 2022