Elettrostimolazione: aiuto per i pazienti con mal di schiena assiale cronico

La stimolazione percutanea del nervo periferico del ramo mediale (PNS) può fornire una promettente opzione di trattamento di neurostimolazione di prima linea per i pazienti con mal di schiena assiale cronico, secondo uno studio pubblicato su Pain Practice.


“Abbiamo cercato di caratterizzare le risposte alla stimolazione percutanea del nervo periferico del ramo mediale per determinare se i risultati di studi e rapporti precedenti e più piccoli fossero generalizzabili quando eseguiti in un numero maggiore e in una più ampia varietà di centri pazienti che non vorrebbero sottoporsi a trattamenti non chirurgici” spiega Christopher Gilmore, del Center for Clinical Research, Winston Salem, Stati Uniti, primo autore dello studio.


I ricercatori hanno impiantato ai partecipanti con lombalgia assiale cronica elettrocateteri PNS percutanei mirati ai nervi del ramo mediale lombare per un massimo di 60 giorni, e in seguito li hanno rimossi. I pazienti sono stati seguiti a lungo termine, per 12 mesi, dopo il trattamento PNS di due mesi. La raccolta dei dati è stata completata con visite fino alla fine del trattamento con PNS (endpoint primario) e sei mesi dopo la rimozione dell’elettrocatetere (otto mesi dopo l’inizio del trattamento), e alcune visite di follow-up sono tuttora in corso.


La maggioranza dei partecipanti ha riportato riduzioni clinicamente e statisticamente significative dell’intensità del dolore, della disabilità e dell’interferenza del dolore. Il 73% dei pazienti ha avuto successo per quanto riguarda l’endpoint primario, e ha riferito riduzioni clinicamente significative (≥ 30%) dell’intensità del dolore alla schiena dopo il trattamento percutaneo PNS di due mesi (n = 54/74).


Nella maggior parte di coloro che avevano già completato le visite di follow-up a lungo termine (n=51), si sono verificate riduzioni dell’intensità del dolore, della disabilità e dell’interferenza del dolore fino a 14 mesi dopo l’inizio del trattamento.


“Data la natura minimamente invasiva e non distruttiva della PNS percutanea, e i significativi benefici sperimentati dai partecipanti che erano recalcitranti ai trattamenti non chirurgici, la PNS percutanea può essere considerata un’opzione di trattamento in questa popolazione” concludono gli autori.


Fonte: Pain Practice 2021

IT-NON-05054-W-07/2023