Epatite alcolica: il trapianto come opzione terapeutica

L’epatite alcolica è la presentazione clinica più severa della malattia epatica alcolica. In mancanza di un trattamento farmacologico efficace, l’epatite alcolica è associata a una prognosi infausta e il suo recupero si basa principalmente sull’astinenza.

Dato che il disturbo da consumo di alcol è universalmente in aumento, l’impatto dell’epatite alcolica sulla società e sui costi sanitari aumenterà in modo significativo. I fattori prognostici e la biopsia epatica possono aiutare con una diagnosi tempestiva.

Sebbene le recenti scoperte nella fisiopatologia dell’epatite alcolica siano incoraggianti e possano spianare la strada a nuove modalità di trattamento, è opportuno sottolineare un approccio multidisciplinare che consideri l’identificazione e il trattamento tempestivi delle complicanze legate al fegato, delle malattie infettive e metaboliche, della malnutrizione e della consulenza sulle dipendenze.

Il trapianto è un’opzione terapeutica salvavita ed è da incoraggiare in particolare nei pazienti con un profilo favorevole e basso rischio di recidiva alcolica.

Oltre a una corretta selezione dei candidati, però, i programmi di trapianto dovrebbero fornire un adeguato supporto alla dipendenza post-trapianto.

Studi futuri dovrebbero quindi mirare a migliorare il supporto alla dipendenza post-trapianto al fine di massimizzare i benefici di questo trattamento.

Fonte: F1000Res. 2020

IT-NON-03771-W-01/2023