Epatite B cronica e monitoraggio dell’HBsAg

Nei pazienti con infezione cronica da epatite B (CHB), è importante monitorare la storia naturale, valutare la risposta al trattamento e prevedere il rischio di complicanze legate al fegato.


La quantificazione sierica dell’antigene di superficie dell’epatite B (HBsAg) ha guadagnato ampi interessi nell’ultimo decennio. È secreto dagli epatociti sia nelle fasi di malattia con HBeAg positivo che con HBeAG negativo, e può essere trascritto e tradotto da diverse regioni del genoma virale.

Nei pazienti non trattati, diminuisce lentamente attraverso il decorso naturale della malattia e rimane stabile per molto tempo dopo la sieroconversione dell’HBeAg. .


Un basso livello sierico di HBsAg può prevedere una clearance dell’HBsAg spontanea o indotta dal trattamento e potenzialmente seleziona i pazienti affetti da HBeAg-negativi.


Un alto livello sierico di HBsAg è associato ad alto rischio di carcinoma epatocellulare nella popolazione non trattata.
Questi potenziali ruoli di quantificazione dell’HBsAg sono applicabili solo a popolazioni selezionate.


Sono inoltre necessari nuovi marcatori per studiare l’effetto delle terapie antivirali emergenti rivolte a varie parti del ciclo dell’HBV per riflettere i loro distinti effetti meccanicistici.


Diversi agenti che misurano i livelli di HBsAg hanno mostrato un declino rapido e significativo. Sono quindi necessari ulteriori ricerche per dimostrare la sostenibilità della soppressione dell’HBsAg da parte di questi nuovi agenti.


Hepatol Int. 2020

IT-NON-03972-W-02/2023