Epatite C, giorni di malattia e pensionamento per disabilità

E’ stato condotto uno studio con lo scopo di valutare i giorni di malattia presi sul lavoro ed i pensionamenti per disabilità nei pazienti con epatite C cronica rispetto a quanto accade nella popolazione generale. La ricerca è stata condotta sui registri sanitari svedesi.

Nel 2012 il 14% dei pazienti con Hcv ha fatto registrare almeno un periodo di malattia, a fronte del 10% della popolazione generale. Per quanto riguarda i pensionamenti per disabilità, le percentuali erano rispettivamente 30% ed 8%.

Nel complesso nel 2012, il 57% dei pazienti con Hcv non aveva perso alcun giorno di lavoro registrato, mentre il 30% ne aveva perso non meno di 365 giorni, a fronte rispettivamente dell’83% e del 9% nei soggetti di controllo.

Il numero totale medio di giorni di lavoro annui persi nel 2012 è stato 128 nei soggetti con Hcv e 40 nei soggetti di controllo. I giorni persi annui sono aumentati da una media di 86, 5 anni prima della diagnosi, a 136 durante l’anno della diagnosi.

Questi risultati dimostrano che in Svezia i pazienti con Hcv hanno preso un maggior numero di giorni di malattia ed hanno fatto ricorso con maggiore frequenza al pensionamento per disabilità rispetto alla popolazione generale.

E’ necessario effettuare ulteriori indagini allo scopo di accertare se una diagnosi ed un trattamento precoci dell’Hcv possano avere un impatto sull’assenza dal lavoro.

Fonte: BMJ Open 2020

IT-NON-02782-W-09/2022