Fattori prognostici del tumore alla mammella nell’uomo

I casi di cancro al seno nell’uomo rappresentano meno dell’1% dei casi totali di tumore alla mammella, questa patologia è quindi relativamente poco studiata. In una ricerca spagnola pubblicata dalla rivista Archives of Breast Cancer gli scienziati guidati da Manuel Ruiz Borrego hanno valutato i fattori prognostici e terapeutici della malattia.

Lo studio osservazionale, retrospettivo e monocentrico, ha incluso i dati di 53 pazienti trattati tra gennaio 1997 e dicembre 2018. L’età media era di 68 anni e l’84% era affetto da cancro al seno non metastatico.

Il 91% dei pazienti (48) aveva un performance status (PS) compreso tra 0 e 1, 48 erano HR positivi e 4 (l’8%) erano HER2 positivi. L’85% dei pazienti (43) è stato trattato con la terapia endocrina; di questi 36 pazienti (68%) hanno ricevuto il trattamento in un contesto adiuvante.

Le mutazioni dei geni BRCA sono state analizzate nel 43% dei soggetti. Il 26% di questi presentava variazioni nel gene BRCA2. Sulla base dello studio queste mutazioni non sembrano avere un valore prognostico.

Dall’analisi è emerso che i pazienti che avevano ricevuto la terapia ormonale nel contesto adiuvante avevano una maggiore sopravvivenza globale a 5 anni e anche una migliore sopravvivenza libera da malattia e recidiva a distanza.

Fonte: Archives of Breast Cancer

IT-NON-03690-W-01/2023