Febbre da fieno e asma colpiscono sempre più persone

Nel corso di mezzo secolo, la percentuale di danesi con febbre da fieno e asma è triplicata, e i sintomi dell’asma si verificano prima nella vita, secondo una nuova ricerca appena pubblicata.


In cinquant’anni, la percentuale di giovani danesi che starnutiscono, hanno prurito agli occhi o hanno il naso chiuso a causa del polline è cresciuta dal 7-8% negli anni ’70 al 24% di oggi. E per l’asma, la percentuale è aumentata dal 4 al 12% nello stesso periodo. Questo è dimostrato dal recente lavoro, condotto su 53.000 donatori di sangue e che ha combinato campioni di sangue a questionari.


I donatori nati tra gli anni ’50 e la fine del millennio hanno completato un questionario su un tablet mentre donavano il sangue. Il sangue di 25.000 partecipanti è stato anche esaminato per gli anticorpi contro nove allergeni selezionati, che vanno da diversi tipi di polline a peli di animali e acari della polvere. Nel linguaggio medico, si dice che i partecipanti al test che reagiscono formando anticorpi sono “sensibilizzati”.


I campioni di sangue mostrano che la proporzione di donatori sensibilizzati aumenta con il numero di disturbi allergici. Per esempio, i ricercatori hanno visto che il 90% di coloro che indicano di avere sia asma che reazioni allergiche al naso e agli occhi formano anticorpi.


D’altra parte, la percentuale di sensibilizzati è solo la metà per i donatori che sono cresciuti in una fattoria con animali, dove sono esposti a una serie di batteri, funghi e pollini che potrebbero essere protettivi contro l’ipersensibilità.


Lo studio è un risultato di ricerca conservativo che non può essere accusato di esagerare il problema, ma molto probabilmente lo minimizza. I donatori di sangue non sono infatti un campione casuale rappresentativo della popolazione, in quanto sono più sani, in particolare i donatori più anziani, a causa del requisito che un donatore deve essere in salute per donare il sangue.

Questo significa che gli asmatici gravi non sono inclusi nella percentuale di allergici, perché semplicemente non possono donare il sangue. Quando un donatore di sangue su cinque spunta comunque la casella come allergico e uno su dieci come asmatico, questo naturalmente dice qualcosa su come il raffreddore da fieno e l’asma siano oggi malattie molto comuni, sostengono i ricercatori.


L’unicità dello studio consiste nella possibilità di esaminare il sangue dei partecipanti per i biomarcatori e i marcatori genetici e confrontare i risultati con gli impatti ambientali, le indagini del questionario di follow-up e i registri danesi. Questo rende possibile esaminare l’importanza dell’interazione genetico-ambientale sull’allergia e la sensibilizzazione. Inoltre, i campioni di sangue ripetuti da ogni partecipante rendono possibile studiare il sistema immunitario prima dell’insorgenza dei sintomi nei partecipanti con sintomi allergici di recente sviluppo.


Fonte: Clinical and Translational Allergy

IT-NON-04651-W-05/2023