Follow-up digitale in 2 fasi per pazienti ad alto rischio per melanoma

Uno studio ha cercato di determinare il numero di biopsie necessarie per diagnosticare il melanoma e di descrivere le caratteristiche cliniche e dermoscopiche del melanoma diagnosticato in pazienti con lesioni pigmentate in follow-up con dermoscopia digitale (Dd) e fotografia total body (Tbp).

Il lavoro è uno studio retrospettivo su 152 pazienti ad alto rischio di melanoma che sono stati seguiti con un approccio digitale in 2 fasi a Barcellona tra il 2002 e il 2016. Sono state analizzate le caratteristiche delle lesioni pigmentate asportate dopo che cambiamenti macroscopici sono stati rilevati da Dd e Tbd periodiche.

La biopsia di 99 lesioni (84 nevi displastici, 13 melanomi e 2 nevi melanocitari composti) ha mostrato un rapporto tra lesioni melanocitarie benigne e melanomi di 1:6,6. I cambiamenti macroscopici sono stati significativamente più comuni nei melanomi rispetto ai nevi melanocitici. I risultati dermoscopici associati al melanoma sono stati una crescita asimmetrica e cambiamenti strutturali focali. Le caratteristiche specifiche associate a una diagnosi di melanoma sono stati l’asimmetria, una rete di pigmenti inversa, globuli atipici e vasi polimorfi.

I ricercatori hanno quindi concluso che il follow-up Tbp è uno strumento utile per la diagnosi precoce del melanoma. Nella nostra serie, il 50% dei melanomi diagnosticati durante il follow-up digitale sono stati rilevati dall’osservazione di una nuova lesione tramite la mappatura Tbp o da cambiamenti macroscopici in una lesione esistente. Il follow-up dermoscopico è essenziale nei pazienti ad alto rischio di melanoma in quanto sia i nevi melanocitici che il melanoma mostrano una serie di caratteristiche dermoscopiche specifiche, e una diagnosi di melanoma può essere basata solo su una registrazione dei cambiamenti nell’aspetto delle lesioni durante il follow-up.

Fonte: Actas Dermosifiliogr.

IT-NON-03328-W-11/2022