Frattura clavicola: intervento mininvasivo può fare meno danni al nervo sovraclaveare

Secondo uno studio pubblicato su Archives of Orthopaedic and Trauma Surgery, la lesione del nervo sovraclaveare, che è una possibile complicanza dell’intervento chirurgico per la frattura della diafisi centrale della clavicola, si verifica significativamente meno spesso nell’osteosintesi con placca minimamente invasiva (MIPO) rispetto alla riduzione a cielo aperto e fissazione interna (ORIF).


“Solo pochi studi precedenti hanno valutato i fattori correlati alla lesione del nervo sovraclaveare (SCN) dopo un intervento chirurgico per frattura dell’asta mediana della clavicola. Abbiamo analizzato la frequenza dei fattori di rischio per tale tipo di lesione dopo un intervento chirurgico per frattura della diafisi centrale della clavicola tramite riduzione a cielo aperto e fissazione interna (ORIF) rispetto all’osteosintesi con placca minimamente invasiva (MIPO)” afferma Sang-Hun Ko, dello Ulsan University Hospital, in Corea, primo nome dello studio.


I ricercatori hanno esaminato retrospettivamente i casi di 59 pazienti sottoposti a intervento chirurgico per le fratture della diafisi mediana della clavicola tra gennaio 2018 e aprile 2019, di cui 29 erano stati sottoposti a ORIF e 30 a MIPO. È stata valutata la frequenza di lesioni SCN nei due gruppi e sono stati misurati e valutati i dati demografici preoperatori dei pazienti (età, sesso, indice di massa corporea, fumo, alcol, diabete mellito e meccanismo traumatico) e i parametri radiologici (spostamento e accorciamento della frattura) come fattori di rischio per lesioni del SCN.


I sintomi neurologici erano presenti in 12 pazienti. L’intorpidimento nella parte superiore del torace anteriore intorno al sito di incisione era presente in otto pazienti sottoposti a ORIF e in quattro e gestiti con MIPO. Inoltre, lo spostamento della frattura valutato sulla tomografia computerizzata tridimensionale preoperatoria era significativamente associato al verificarsi di lesioni SCN in pazienti sottoposti a MIPO.

Sebbene sia stato eseguito un EMG in tutti i pazienti con lesione SCN, in nessun caso si è riscontrata una neuropatia periferica. In MIPO, un maggiore spostamento della frattura preoperatoria era associato a un rischio più elevato di lesioni da SCN. “Saranno necessari ulteriori studi per raggiungere un consenso su metodi accurati per valutare le lesioni da SCN” concludono gli autori.


Fonte: Archives of Orthopaedic and Trauma Surgery