Frequenza di insoddisfazione corporea e depressione dopo il parto

I normali cambiamenti fisici associati alla gravidanza possono aumentare il rischio di insoddisfazione corporea (una visione soggettiva negativa delle dimensioni o della forma del proprio corpo), che è associata a esiti negativi sulla salute mentale tra cui depressione e disturbi alimentari, entrambi fattori che possono avere conseguenze a lungo termine per la salute della madre e del bambino.

Un gruppo di ricerca ha recentemente condotto un sondaggio per analizzare la prevalenza dell’insoddisfazione corporea in gravidanza e dopo il parto e identificare i fattori che contribuiscono a questi sentimenti. La ricerca è stata pubblicata di recente dalla rivista Archives of Women’s Mental Health.

Il sondaggio ha coinvolto 161 donne in gravidanza e dopo il parto di età compresa tra 18 e 45 anni. Il 50% delle intervistate ha riferito sentimenti di insoddisfazione per il proprio corpo. Oltre il 40% ha affermato che essere incinta o avere un bambino l’aveva resa consapevole del proprio aspetto. Più del 60% delle intervistate crede di dover essere più magra rispetto alle dimensioni attuali e oltre la metà ha affermato che i commenti degli altri sul proprio corpo o sulla propria taglia hanno avuto un impatto sull’immagine del proprio corpo.

Gli aspetti negativi del perseguire un’immagine corporea ideale includevano una cattiva salute mentale, abitudini alimentari disordinate, perdita di tempo e denaro e dialogo interiore negativo. Tuttavia, non tutte le intervistate hanno riportato sentimenti negativi sul proprio corpo. Alcune hanno affermato che la gravidanza e il parto hanno portato a un maggiore apprezzamento per ciò di cui erano capaci i loro corpi e le hanno aiutate a concentrarsi maggiormente sulla propria salute e nutrizione.

L’82% delle donne ha affermato di essere interessata a un programma incentrato sull’accettazione del corpo durante la gravidanza e il postpartum. La maggior parte preferirebbe che gli interventi fossero virtuali, facilitati da professionisti e condotti in un contesto di gruppo.

Fonte. Arch Womens Ment Health 2022

https://link.springer.com/article/10.1007/s00737-022-01236-6

IT-NON-07717-W-09/2024