Funzione cognitiva: non vi è alcun legame con l’assunzione di glutine

Uno studio condotto negli Stati Uniti ha riscontrato che nelle donne che non presentano celiachia nell’anamnesi, il consumo di alimenti con glutine non ha effetti negativi sulla funzione cognitiva.


I ricercatori – guidati da Andrew Chan, professore presso la Harvard Medical School e gastroenterologo al Massachusetts General Hospital di Boston – hanno esaminato i dati relativi a 13.494 donne (età media 60,6 anni) partecipanti al Nurses’ Health Study II senza una diagnosi di celiachia al basale o successivamente.


L’apporto di glutine è stato calcolato in base a questionari sulla frequenza degli alimenti ogni quattro anni, fino al 2015, e i punteggi cognitivi standardizzati sono stati stimati in base ai punteggi annuali dal 2014 al 2019 ottenuti nella Cogstate Brief Battery per velocità psicomotoria e attenzione, apprendimento, memoria di lavoro e cognizione globale.


L’assunzione media di glutine è stata di 6,3 grammi al giorno. Non vi erano differenze significative nei punteggi cognitivi standardizzati tra il quintile più alto e quello più basso di consumo di glutine.
“Abbiamo riscontrato che nei soggetti che non presentavano celiachia nell’anamnesi, una dieta a basso contenuto di glutine non si associava ad alcun miglioramento nella funzione cognitiva”, dichiara l’autore principale dello studio, Andrew Chan.


L’assenza di associazioni tra assunzione di glutine e funzione cognitiva è rimasta anche quando i ricercatori hanno aggiustato l’analisi per focalizzarsi sulle principali fonti di glutine alimentare come cereali raffinati o cereali integrali. Inoltre, non sono emerse correlazioni quando i ricercatori hanno escluso la sottocategoria di donne che hanno ricevuto una diagnosi di demenza, hanno segnalato di avere un tumore o non sono riuscite a completare tutte le valutazioni alimentari durante il follow-up.


Fonte: JAMA Network Open