Giornata mondiale della salute 2022. Oms: “Salvare il pianeta per salvare la nostra salute”

 L’Oms ha ufficializzato quale sarà il tema della prossima Giornata mondiale della Salute del 7 aprile: “Our Planet, Our Health”, “Il nostro Pianeta, la nostra Salute”.
 
“Nel mezzo di una pandemia, con un pianeta inquinato, con malattie in aumento come cancro, asma, malattie cardiache – scrive l’Oms – nella Giornata mondiale della salute 2022, ci concentreremo sull’attenzione globale sulle azioni urgenti necessarie per mantenere gli esseri umani e il pianeta in salute e promuovere un movimento per creare società incentrato sul benessere”.   
 
L’Oms stima che oltre 13 milioni di decessi in tutto il mondo ogni anno siano dovuti a cause ambientali evitabili. Includendo tra i fenomeni evitabili la crisi climatica, definita come “la più grande minaccia sanitaria per l’umanità”. Una crsi che è “anche una crisi sanitaria”, sottolinea l’Oms..
 
“Oltre il 90% delle persone respira aria malsana derivante dalla combustione di combustibili fossili. Un mondo in riscaldamento sta vedendo le zanzare diffondere malattie più lontano e più velocemente che mai. Gli eventi meteorologici estremi, il degrado del suolo e la scarsità d’acqua stanno sfollando le persone e compromettendo la loro salute. L’inquinamento e la plastica si trovano sul fondo dei nostri oceani più profondi, sulle montagne più alte, e si sono fatti strada nella nostra catena alimentare. I sistemi che producono cibi e bevande altamente trasformati e malsani stanno guidando un’ondata di obesità, aumentando il cancro e le malattie cardiache e generando un terzo delle emissioni globali di gas serra”, questo il tragico bilancio dello stato di salute del Pianeta disegnato oggi dall’Oms.

 
“Mentre la pandemia di COVID-19 ci ha mostrato il potere curativo della scienza, ha anche messo in evidenza le disuguaglianze nel nostro mondo. La pandemia – scrive ancora l’Oms – ha rivelato debolezze in tutti i settori della società e ha sottolineato l’urgenza di creare società sostenibili per il benessere impegnate a raggiungere una salute equa ora e per le generazioni future senza violare i limiti ecologici”.


 
“L’attuale disegno dell’economia porta a una distribuzione iniqua del reddito, della ricchezza e del potere, con troppe persone che vivono ancora in povertà e instabilità. Un’economia del benessere – sottolinea l’Oms – ha come obiettivi il benessere umano, l’equità e la sostenibilità ecologica. Questi obiettivi si traducono in investimenti a lungo termine, budget di benessere, protezione sociale e strategie legali e fiscali”.


 L’interruzione di questi cicli di distruzione per il pianeta e la salute umana richiede un’azione legislativa, una riforma dei cicli produttivi e, non ultimo, un supporto delle istituzioni affinché i singoli individui siano incentivati a fare scelte sane”, conclude l’Oms.


 
Clima e salute. I fatti salienti secondo l’Oms: ogni minuto 13 persone nel mondo muiono per malattie provocate dall’inquinamento dell’aria


1. Il cambiamento climatico è la più grande minaccia sanitaria per l’umanità. Gli impatti del cambiamento climatico stanno già danneggiando la salute a causa di inquinamento atmosferico, malattie, eventi meteorologici estremi, sfollamenti forzati, insicurezza alimentare e pressioni sulla salute mentale. Ogni anno, a causa di fattori ambientali perdono la vita circa 13 milioni di persone e ogni minuto 13 persone muoiono per cancro, infarto e altre malattie cardiache causate dall’inquinamento dell’aria.


 
2. Il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi potrebbe salvare circa un milione di vite all’anno in tutto il mondo entro il 2050 attraverso la sola riduzione dell’inquinamento atmosferico. Evitando il peggio gli impatti climatici potrebbero aiutare a prevenire 250.000 ulteriori decessi legati al clima all’anno dal 2030 al 2050, principalmente da malnutrizione, malaria, diarrea e stress da caldo.


 
3. Il valore dei guadagni per la salute derivanti dalla riduzione delle emissioni di carbonio sarebbe approssimativamente il doppio del costo globale di attuazione delle misure di mitigazione del carbonio.
 
4. Oltre il 90 per cento delle persone respira livelli malsani di inquinamento atmosferico, in gran parte risultanti dalla combustione di combustibili fossili che guidano il cambiamento climatico. Nel 2018 inquinamento atmosferico da combustibili fossili ha causato 2,9 trilioni di dollari di costi sanitari ed economici, circa 8 miliardi di dollari al giorno.


 
5. I trasporti producono circa il 20% delle emissioni globali di carbonio. Alternative come camminare e andare in bicicletta non sono solo ecologiche, ma offrono anche una maggiore salute benefici, come la riduzione del rischio di molte condizioni di salute croniche e il miglioramento salute mentale.


 
6. I sistemi per produrre, confezionare e distribuire il cibo generano un terzo delle serre emissioni di gas. Una produzione più sostenibile mitigherebbe gli impatti sul clima e sostenere diete più nutrienti che potrebbero prevenire quasi 11 milioni di morti premature un anno.
 
7. I sistemi sanitari sono la principale linea di difesa per le popolazioni che si trovano ad affrontare l’emergere minacce per la salute, anche dal cambiamento climatico. Per proteggere la salute ed evitare l’allargamento disuguaglianze sanitarie, i paesi devono costruire sistemi sanitari resilienti al clima.
 
8. La maggior parte dei paesi identifica la salute come un settore prioritario vulnerabile al cambiamento climatico. Ma rimane un enorme divario finanziario. Meno del 2 per cento del clima multilaterale la finanza va a progetti sanitari.


 
9. Società sane fanno affidamento su ecosistemi ben funzionanti per fornire aria pulita, fresca acqua, medicinali e sicurezza alimentare. Questi aiutano a limitare le malattie e stabilizzare il clima. Ma la perdita di biodiversità sta avvenendo a un ritmo senza precedenti, con un impatto sull’uomo salute in tutto il mondo e aumentando il rischio di malattie infettive emergenti.

IT-NON-06767-W-04/2024