Gli effetti sui bambini con asma dell’inquinamento da particolato

Recentemente, l’inquinamento da particolato è peggiorato e le conseguenze si sono viste anche nei bambini. Un recente studio cinese ha valutato gli effetti a breve termine di Pm10 e Pm2.5 sulle visite per asma nei bambini di Shanghai dal 1 gennaio 2009 al 31 dicembre 2010, utilizzando un modello additivo generalizzato.


I risultati hanno mostrato effetti significativi di Pm10 e Pm2.5 sulle visite per asma nei bambini, anche se i ritardi stagionali variano per i tre sottogruppi di età. In generale, l’effetto del Pm2.5 sulle visite per asma nei bambini è stato più forte e più acuto di quello del Pm10. Il Pm2.5 ha mostrato il più alto rischio relativo in estate, mentre il Pm10 in autunno.


Nel complesso, l’inquinamento da particolato ha mostrato un effetto maggiore sui bambini più piccoli. In particolare, il sottogruppo inferiore ai 2 anni ha mostrato il più alto rischio relativo stagionale di Pm10. Il rischio relativo stagionale di Pm10 in autunno per il sottogruppo inferiore ai 2 anni è stato molto più alto di quello per gli altri due sottogruppi. I sottogruppi 3-5 anni e 6-18 anni hanno mostrato il più alto rischio relativo stagionale di Pm2.5, rispettivamente in estate e in inverno. Tuttavia, gli autori del lavoro hanno ricordato che i dati delle visite pediatriche ottenuti non possono riflettere la vera prevalenza dell’asma e non intercettano le visite multiple.


Fonte: Environmental Geochemistry Health

IT-NON-04324-W-03/2023