Gli studi sul rischio Covid-19 nei pazienti con psoriasi potrebbero essere distorti

Nel bel mezzo della pandemia, la fame di dati e il desiderio di fornire informazioni rapide può aver abbassato la qualità della ricerca, secondo alcuni ricercatori che hanno appena condotto una valutazione sistematica della ricerca sul rischio e gli esiti del Covid-19 in pazienti con psoriasi e artrite psoriasica trattati con terapie biologiche. Gli esperti hanno trovato un alto rischio di distorsione in tutti gli studi, concludendo che non può essere fatta né una dichiarazione definitiva sul rischio né raccomandazioni di gestione sulla base dei dati attualmente pubblicati.


Dall’inizio della pandemia di Covid-19, c’è stata preoccupazione tra i dermatologi circa l’aumento del rischio di infezione o di esiti peggiori nei pazienti trattati con terapie biologiche o con psoriasi o artrite psoriasica. Alcuni studi hanno riportato un aumento del rischio di infezione respiratoria nei pazienti trattati con biologici, mentre questi stessi farmaci sono stati proposti come possibili trattamenti per Covid-19.


Secondo i ricercatori, i risultati del loro lavoro dovrebbero costituire un promemoria per fare attenzione quando si leggono nuovi articoli su Covid-19. Durante una pandemia, gli operatori sanitari dovrebbero essere più cauti quando incorporano le prove di nuovi studi nel processo decisionale personale.


I ricercatori hanno analizzato la qualità di 25 articoli che trattavano il rischio e gli esiti di Covid-19 in pazienti che ricevevano un trattamento biologico per la psoriasi o l’artrite psoriasica utilizzando la scala Newcastle-Ottowa (Nos). Questo strumento è un sistema a punti che valuta gli studi sulla base di otto diversi criteri, tra cui la selezione dei gruppi di studio, la comparabilità dei gruppi, l’esposizione e l’esito. Il punteggio più alto possibile è di nove stelle, con sei o più (maggiore del 75%) considerato a basso rischio di bias. I ricercatori hanno anche considerato altri fattori di convalida, tra cui la definizione del caso e la modalità di valutazione Covid-19.


Il punteggio mediano per tutti gli studi esaminati è stato del 47,2% per gli studi sulla psoriasi e del 44,4% per quelli sull’artrite psoriasica, indicando un alto rischio di distorsione. La maggior parte degli studi sono stati eseguiti in centri ospedalieri di riferimento e non sono stati pubblicati studi basati sulla popolazione, portando a bias di selezione.


Questi risultati sono in linea con studi di qualità simili in altre aree cliniche. La qualità degli articoli pubblicati in alcune delle principali riviste mediche era inferiore nei primi mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019, e il declino potrebbe essere legato al Covid-19.


Covid-19 era, ed è ancora, una malattia sconosciuta e c’era un urgente bisogno di raccogliere e pubblicare dati. In questo contesto, i sistemi tradizionali di peer-review sono stati stressati dall’enorme numero di manoscritti relativi alla malattia. Tutti gli esperti si sono detti d’accordo sul fatto che pochi dati, anche imperfetti, erano meglio di nessun dato, hanno ricordato gli autori del lavoro.


I ricercatori hanno anche fornito una serie di raccomandazioni specifiche per gli studi futuri. Secondo loro, dovrebbe essere considerata una collaborazione multicentrica che dia priorità alla raccolta dei dati e un sistema per attivare rapidamente studi epidemiologici formali e registri quando le crisi sanitarie globali colpiscono, con un coordinamento internazionale degli studi e la condivisione dei dati.


L’enorme fame di dati da parte del pubblico e della comunità medica e il comprensibile desiderio di fornire informazioni rapide non dovrebbero, in futuro, abbassare la qualità della ricerca, hanno concluso gli esperti.


Fonte: Journal of Investigative Dermatology

IT-NON-05279-W-09/2023