Gravidanza: i profili angiogenici e infiammatori delle donne con ipertensione cronica sono differenti rispetto alle pazienti non ipertese

Uno studio pubblicato su BJOG ha riscontrato che nelle donne incinte con ipertensione cronica esistono differenze nei profili angiogenici e infiammatori del primo trimestre rispetto alle gravidanze normotensive, ma che queste differenze non aiutano a identificare le donne con malattia di base più grave e peggiori esiti della gravidanza.


“Abbiamo studiato fattore di crescita placentare sierico del primo trimestre (PLGF), tirosina chinasi-1 simile a fms solubile (sFLT-1), interleuchina-6 (IL-6), fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α), endotelina e vascolare molecola di adesione cellulare (VCAM) in donne con ipertensione cronica stratificata in base al controllo della pressione sanguigna per capire se fosse possibile stratificarle in base a diversi rischi” afferma Diane Nzelu, del King’s College di Londra, autrice principale del lavoro.


I ricercatori hanno studiato 650 donne con ipertensione cronica e 142 controlli normotesi. Nel primo trimestre, le donne con ipertensione cronica sono state suddivise in quattro gruppi. Il gruppo 1 includeva donne senza ipertensione pre-gravidanza che presentavano una PA ≥140/90 mmHg. I gruppi 2, 3 e 4 avevano invece ipertensione cronica pre-gravidanza (gruppo 2 PA <140/90 mmHg senza farmaci antipertensivi, gruppo 3 PA <140/90 mmHg con farmaci antipertensivi e gruppo 4 PA ≥ 140/90 mmHg nonostante i farmaci antipertensivi).


Gli esperti hanno visto che, rispetto al gruppo di controllo, le donne con ipertensione cronica avevano multipli di mediana (MoM) significativamente più bassi di PLGF, sFLT-1 e IL-6 e un MoM significativamente più alto di endotelina. Tra i quattro gruppi di donne con ipertensione cronica, non c’erano differenze significative nei MoM di sFLT-1, PLGF, rapporto sFLT-1/PLGF, endotelina, IL-6, VCAM o nei livelli di TNF-α.


Fonte: BJOG

IT-NON-05122-W-07/2023