Gravidanza: maggior rischio di ictus nelle donne con emicrania

Le donne che soffrono di emicranie durante la gravidanza hanno maggiori probabilità di sviluppare un ictus durante il parto, nel periodo post-partum o durante la gravidanza stessa. È quanto emerge da uno studio condotto negli USA.

I ricercatori – guidati da Gretchen Bandoli dell’Università della California di San Diego – hanno esaminato i dati di una coorte californiana retrospettiva costituita da tre milioni di parti non gemellari dal 2007 al 2012 creata sulla base di certificati di nascita e registri delle dimissioni ospedaliere. 26.440 donne hanno ricevuto diagnosi di emicrania durante la gravidanza, 914 partecipanti ogni 100.000.

843 donne hanno avuto un ictus, 29 ogni 100.000; nel 58% di questi casi si è trattato di un ictus ischemico.

Dopo l’aggiustamento per età, BMI, etnia, nascita, patologie mentali, fumo, uso di sostanze o alcool e diabete, le donne con emicrania avevano il 60% in più delle probabilità di avere un disturbo ipertensivo durante la gravidanza (rischio relativo aggiustato 1,6).

Inoltre, avevano anche probabilità sei volte maggiori di avere un ictus in gravidanza o durante il parto (aRR 6,8) e più del doppio di probabilità di avere un ictus nel post-partum (aRR 2,1).

Rispetto alle donne che non hanno avuto emicranie in gravidanza, le controparti avevano maggiori probabilità di essere di razza caucasica, di essere obese, diabetiche o di avere un disturbo di salute mentale e di fare uso di tabacco, droghe e alcool.

Più del doppio della percentuale di donne con emicrania durante la gravidanza (15,1%) presentavano disturbi ipertensivi, rispetto al 7% delle controparti.Lo 0,15% delle donne che hanno sofferto di emicrania hanno avuto un ictus durante la gravidanza o il parto, rispetto allo 0,01% di quelle senza emicrania. Nel periodo successivo al parto, lo 0,05% delle future mamme con emicrania durante la gravidanza ha avuto un ictus, rispetto allo 0,01% delle controparti.

Fonte: JAMA Neurology

IT-NON-02368-W-06/2022