Hiv: le persone in trattamento negli Usa continueranno ad aumentare

Il numero di persone con Hiv che utilizzano la terapia antiretrovirale (Art) per sopprimere il virus potrebbe aumentare fino al 36% entro la fine del decennio e include più persone anziane, rappresentando un peso importante per la salute pubblica, secondo nuove proiezioni recentemente pubblicate.


Per la loro analisi, i ricercatori hanno eseguito due scenari utilizzando un modello matematico chiamato Pearl (ProjEcting Age, multimoRbidity e poLypharmacy) a partire dai dati dei centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. In uno scenario di base, i ricercatori prevedono un aumento della popolazione che utilizza l’Art da circa 670.000 nel 2020 a quasi 910.000 entro la fine del 2030 se le tendenze attuali nelle nuove infezioni da Hiv persistono.


In uno scenario più ottimistico, il modello prevede che il numero di persone con Hiv che utilizzano Art aumenterà del 7% dal 2020 al 2030. Questo modello presuppone che gli Stati Uniti raggiungano gli obiettivi stabiliti nell’iniziativa federale, Ending the Hiv Epidemic: A Plan for America, in cui le nuove diagnosi di Hiv diminuiscono del 75% dal 2020 al 2025 e si mantengono stabili a quel tasso fino al 2030.


In entrambi gli scenari, il modello prevede che quasi un quarto degli utenti Art sarà over65 entro il 2030.


Questi risultati chiariscono che l’epidemia di Hiv non finirà presto concentrandosi solo sulla riduzione delle nuove infezioni, hanno commentato gli autori del lavoro. Inoltre, visto che quasi 1 persona su 4 con Hiv sarà over65 nel prossimo decennio, per gli esperti abbiamo bisogno di prepararci a soddisfare le esigenze mediche di questi individui. Gli anziani con Hiv sono grandi consumatori di assistenza sanitaria, a causa dell’aumento del carico di comorbidità e del declino delle funzioni fisiche e cognitive legate sia all’invecchiamento che all’infezione da Hiv.


Lo studio ha stimato la dimensione prevista e la distribuzione per età all’interno dei sottogruppi di persone con Hiv. Il modello suggerisce che la popolazione di uomini neri che fanno sesso con gli uomini aumenterà del 50% entro il 2030 con un’età media di 42 anni. Il numero di donne nere che probabilmente hanno acquisito l’Hiv attraverso contatti eterosessuali aumenterà del 28% con un’età mediana di 56 anni nel 2030. Il numero di uomini bianchi che fanno sesso con uomini aumenterà del 14% con un’età mediana di 59 anni nel 2030.


Siccome sappiamo che la popolazione di persone con Hiv è diversa per sesso, razza, etnia e rischio di acquisizione dell’Hiv, i cambiamenti nella dimensione e nella distribuzione dell’età tra i sottogruppi possono aiutarci a pianificare l’assistenza sanitaria che sarà necessaria nel prossimo decennio.


Le proiezioni suggeriscono anche un aumento dell’età mediana degli utenti di Art da 50 a 52 anni nello scenario di base, con l’uso tra coloro che hanno più di 64 anni che passa dall’11% al 23%. Le proiezioni suggeriscono anche uno spostamento nella distribuzione razziale degli utenti Art – un calo tra i bianchi dal 32 al 28% e un aumento dal 23 al 28% tra gli ispanici.


La linea di fondo, dicono i ricercatori, è che la popolazione che utilizza Art – in assenza di una terapia curativa per l’infezione da Hiv – continuerà ad essere grande e richiederà risorse sanitarie per la cura degli adulti che invecchiano con l’Hiv.


Fonte: Aids

IT-NON-06094-W-12/2023