Hiv, scoperto come il virus rilascia materiale genetico

Alcuni scienziati tedeschi sono riusciti per la prima volta a visualizzare l’Hiv durante il trasporto nel nucleo di una cellula infetta. Le immagini tomografiche elettroniche mostrano l’involucro proteico del virus che passa attraverso uno dei pori nucleari (le aperture nella membrana intorno al nucleo che permettono alle molecole di entrare e uscire).


I ricercatori hanno scoperto che il virus passa attraverso il poro nucleare intatto, rompendosi solo all’interno del nucleo, dove rilascia le sue informazioni genetiche. Questo chiarisce un importante meccanismo attraverso il quale il materiale genetico del virus viene integrato nel genoma della cellula infettata.


Il virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1 (Hiv-1) – su cui si è concentrato questo studio – infetta principalmente alcune cellule del sistema immunitario, e in questo modo indebolisce in modo massiccio la difesa dell’organismo contro le malattie.


Il materiale genetico del virus è saldamente impacchettato in una capsula proteica a forma di cono nota come capside, che è composta da singole parti esagonali. Gli scienziati sapevano come il capside passa attraverso la membrana cellulare all’interno della cellula durante l’infezione, ma non come il materiale genetico del virus passa dal capside al nucleo della cellula, dove innesca la formazione di nuovi virus.


Fonte: Cell

IT-NON-04101-W-03/2023