IBD giovanili: crescita anche dopo chiusura cartilagine accrescimento

I giovani con Malattia di Crohn o rettocolite ulcerosa spesso continuano a crescere in altezza oltre il tipico tempo di chiusura della cartilagine di accrescimento.

Come affermato da Neera Gupta del Weill Cornell Medical Center di New York, autore di uno studio che ha preso in esame più di 3000 giovani, le curve dell’altezza e della velocità di crescita in altezza generate dallo studio supportano una maturazione scheletrica ritardata e la capacità di un recupero di crescita nelle malattie infiammatorie intestinali.

Nella Malattia di Crohn pediatrico spesso interviene un deficit di crescita, il che accade meno di frequente anche nella rettocolite ulcerosa. La chiusura radiografica della cartilagine di accrescimento, che segna la fine della crescita naturale, tipicamente interviene intorno ai 15 anni nelle ragazze e ai 17 anni nei ragazzi, ma il presente studio suggerisce che la maturazione scheletrica ritardata potrebbe essere più comune del previsto nei pazienti con rettocolite ulcerosa.

Teoricamente, se un bambino presenta una maturazione scheletrica ritardata ma poi ottiene la remissione dalle malattie infiammatorie intestinali, potrebbe divenire addirittura più alto di quanto non sarebbe stato se non avesse avuto la malattia.

L’anamnesi e lo stato attuale relativi all’età ossea e alla crescita della statura dovrebbero essere componenti standard della comunicazione fra gastroenterologi pediatrici e dell’adulto durante la transizione assistenziale del paziente. 

Fonte: Inflamm Bowel Dis online 2020

IT-NON-01650-W-02/2022