Identificati biomarker del tumore al seno nel latte materno

I ricercatori della Clarkson University di New York hanno identificato nel latte materno una serie di biomarcatori proteici che potrebbero un giorno permettere la messa a punto di un esame del sangue per la diagnosi di cancro al seno per donne di tutte le età e livelli di rischio.

“Sebbene le mammografie siano uno strumento utile per diagnosticare precocemente il cancro al seno, in genere non sono raccomandate per le donne a basso rischio sotto i 40 anni”, osserva Danielle Whitham, dottoranda alla Clarkson University di New York. “Poiché i biomarcatori che abbiamo trovato nel latte materno sono rilevabili anche nel siero del sangue, lo screening potrebbe potenzialmente essere eseguito in donne di qualsiasi età utilizzando sangue o latte materno”.

I nuovi biomarcatori permettono di rilevare la presenza di un carcinoma duttale invasivo (IDC), uno dei tipi più comuni di cancro al seno. Tuttavia, i ricercatori affermano che il loro approccio potrebbe essere utilizzato per identificare i biomarcatori per altri tipi di cancro al seno. “Se i nostri studi futuri avranno successo, potrebbero cambiare il modo in cui le donne vengono monitorate per il cancro al seno e aiutare nella diagnosi precoce”, continua Whitham. “Ciò potrebbe anche portare a un tasso di sopravvivenza più elevato nelle donne”. Whitham ha presentato la ricerca all’incontro annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology durante il meeting Experimental Biology (EB) 2022.

“Abbiamo usato il latte materno perché contiene proteine, cellule epiteliali e cellule immunitarie, che forniscono una grande quantità di informazioni su ciò che sta accadendo nel corpo di una donna durante un periodo cruciale per lo sviluppo del seno”. Per lo studio, sono stati ottenuti campioni di latte materno da tre donne con diagnosi di cancro al seno e tre donne senza cancro. Utilizzando la cromatografia liquida con spettrometria di massa tandem, i ricercatori hanno confrontato i livelli relativi di alcune proteine ​​tra i due gruppi per identificare le differenze nelle donne con cancro. L’analisi ha rivelato 23 proteine ​​che erano disregolate. In precedenza è stato dimostrato che tutte le proteine ​​​​che hanno mostrato differenze svolgono un ruolo nel cancro o nello sviluppo del tumore. Ora che i ricercatori hanno identificato un set di biomarcatori, hanno in programma di confermarlo in un gruppo più ampio di donne. Poi testeranno l’applicabilità dei biomarcatori proteici nel siero del sangue. Se questi test daranno esito positivo, potrebbe essere sviluppato un esame del sangue da utilizzare su donne di qualsiasi età per monitorare i cambiamenti proteici per l’individuazione del cancro al seno.

Fonte: American Society for Biochemistry and Molecular Biology/ Experimental Biology (EB) 2022

IT-NON-06783-W-04/2024