Il carico di acido della dieta in gravidanza è associato con il diabete gestazionale

Esiste un’associazione positiva significativa tra il carico di acido presente nella dieta durante l’inizio della gravidanza e il rischio di diabete gestazionale, e questo fatto suggerisce che la riduzione delle fonti alimentari del carico di acido nella dieta possa essere una strategia efficace per prevenire il rischio di tale condizione. Questo è quanto riferisce uno studio portato avanti in Cina da Rui Zhao, della Huazhong University of Science and Technology di Wuhan, e pubblicato su Frontiers in Nutrition.

“Prove crescenti suggeriscono che il carico di acido nella dieta possa svolgere un ruolo importante nello sviluppo del diabete di tipo 2. Tuttavia, gli studi prospettici sulla relazione tra il carico di acido nella dieta e il diabete mellito gestazionale sono limitati. Abbiamo voluto approfondire questa situazione in una popolazione di donne in gravidanza cinesi” spiegano gli autori.

I ricercatori hanno arruolato 1.327 donne in gravidanza da uno studio prospettico in corso sulla coorte di nascita di Tongji (TJBC) a Wuhan, in Cina. L’assunzione dietetica è stata valutata prima di 20 settimane utilizzando un questionario semiquantitativo sulla frequenza degli alimenti (FFQ) di 74 elementi. Il carico di acido nella dieta è stato stimato utilizzando il potenziale carico di acido renale (PRAL), la produzione netta di acido endogeno (NEAP) e il rapporto proteine animali/potassio (rapporto A:P). Un test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) di 75 g in due ore è stato eseguito a 24-28 settimane di gestazione per diagnosticare il diabete mellito gestazionale.

I valori medi per il punteggio PRAL, il punteggio NEAP e il rapporto A:P erano pari a 0,8 mEq/giorno, 45,3 mEq/giorno e 9,8. C’era una correlazione positiva significativa del carico di acido nella dieta con l’assunzione di carne rossa, pollame, pesce e uova, e una correlazione negativa con l’assunzione di verdure, frutta, noci e legumi. Rispetto alle donne che si trovavano nel terzile più alto del carico di acido nella dieta, in base al punteggio PRAL, al punteggio NEAP e al rapporto A:P, rispetto a quelle nel terzile più basso, hanno mostrato un aumento significativo del rischio di diabete gestazionale. Inoltre, il carico di acido nella dieta era significativamente associato a un aumento delle concentrazioni di glucosio nel sangue una e due ore dopo il carico.

Fonte: Front Nutr. 2022 May 26;9:892698

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35694169/

IT-NON-07267-W-06/2024