Il cervello può essere un serbatoio per l’Hiv

Che il virus dell’Hiv potesse essere ospitato e nascosto dal sistema nervoso centrale anche in presenza di terapia antiretrovirale già si sapeva.

La novità introdotta da un recente studio riguarda il fatto che gli astrociti, le cellule che ospitano il virus, siano poi in grado di spingerlo nel sistema immunitario, facendolo quindi uscire dal cervello e permettendogli di raggiungere le zone del corpo più periferiche.

Nel trial, condotto su topi, gli autori hanno infatti visto che l’uscita dall’Hiv di origine astrocitaria persiste, anche se a bassi livelli, sotto terapia antiretrovirale combinata.

Dal punto di vista della clinica, questo suggerisce che dovranno essere sviluppati farmaci in grado di svuotare il serbatoio di Hiv che può formarsi nel cervello.

Fonte: Plos Pathogens

IT-NON-03386-W-11/2022