Il fumo peggiora la qualità di vita nei pazienti con dermatite atopica

I dati provenienti da un registro tedesco, raccolti in uno studio pubblicato sul Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology, mostrano che i pazienti con dermatite atopica che fumano hanno un onere maggiore della malattia, con uno schema di distribuzione delle lesioni differente nella dermatite atopica che insorge nell’età adulta.


“La dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica della pelle con una genesi multifattoriale che include predisposizioni genetiche e fattori di rischio e fattori scatenanti ambientali. Uno di questi ultimi probabilmente è il fumo, come indica una maggiore prevalenza di malattia negli adulti e nei bambini che sono attivamente o passivamente esposti al fumo di sigaretta” spiega Anna Caroline Pilz, della Technical University of Munich, in Germania, autrice principale dello studio.


I ricercatori hanno confrontato le caratteristiche della dermatite atopica e le sue comorbilità atopiche in pazienti fumatori e non fumatori utilizzando i dati di TREATgermany, un registro clinico che comprende pazienti con dermatite atopica da moderata a grave in Germania.


Su 921 pazienti, 908 hanno riferito il loro stato di fumatore o meno. Il punteggio oggettivo della dermatite atopica (oSCORAD) non differiva tra i fumatori (n = 352; 38,8%) e i non fumatori, tuttavia l’intensità delle lesioni di trasudazioni o croste ed escoriazioni, nonché i punteggi di valutazione globale dei pazienti (PGA) della gravità della dermatite atopica erano più alti nei pazienti fumatori rispetto ai non fumatori. I fumatori hanno riportato un numero inferiore di settimane con malattia ben controllata e prurito più grave rispetto ai non fumatori. I livelli totali di IgE erano più elevati nei fumatori, che mostravano anche un’età più giovane alla diagnosi iniziale di asma bronchiale. Dopo l’aggiustamento per potenziali fattori confondenti, l’aumento dell’intensità di trasudazione o croste, il numero ridotto di settimane con dermatite ben controllata e il maggiore prurito sono rimasti diversi nei fumatori rispetto ai non fumatori. Inoltre, i pazienti fumatori con esordio della malattia in età adulta hanno mostrato un aumento di 2,5 volte superiore della possibilità di coinvolgimento dei piedi.


Fonte: J Eur Acad Dermatol Venereol. 2021

IT-NON-05886-W-11/2023