Il grano di teff aumenta la salute del microbioma dello stomaco

Il grano di teff assomiglia al grano e i suoi semi sono piccolissimi. Originario dell’Africa orientale, è un alimento di base ricco di fibre. Uno studio adesso conferma che questo grano aiuta molto lo stomaco e aumenta il valore nutrizionale di ferro e zinco.

Il grano di teff è stato testato per capire come i suoi estratti di semi possano influenzare il tratto gastrointestinale e altri sistemi negli organismi viventi, attraverso l’utilizzo di un approccio unico in vivo. Così, gli scienziati per la prima volta sono stati in grado di associare il consumo di grano di teff con effetti positivi sulla composizione e la funzione microbica intestinale, spiegando potenzialmente perché la prevalenza di carenze alimentari di ferro e zinco in Etiopia – anche se ancora significative – sono inferiori rispetto ad altre nazioni africane vicine.

Nell’esperimento, l’estratto di fibra di seme di teff è stato iniettato nel liquido amniotico delle uova fertili di Gallus gallus (pollo domestico), che consiste principalmente di acqua e peptidi corti, il 17° giorno di sviluppo embrionale. Il liquido amniotico e la soluzione nutritiva aggiunta sono poi stati consumati dall’embrione entro il 19° giorno di incubazione embrionale (che dura in tutto 21 giorni) .

Grazie a questo approccio, i ricercatori hanno potuto testare come l’estratto di grano di teff influisca sul tratto gastrointestinale, ma anche su altri sistemi o altri tessuti, confermando gli effetti positivi sul microbioma intestinale e sulla funzionalità duodenale.

Diverse importanti vie metaboliche batteriche sono state arricchite dall’estratto di teff, probabilmente a causa dell’alta concentrazione relativa di fibre del grano, dimostrando un’importante interazione batterio-ospite che contribuisce a migliorare lo stato fisiologico di ferro e zinco e la funzionalità della superficie digestiva e assorbente intestinale.

Fonte: Nutrients

IT-NON-03329-W-11/2022