Il melanoma ha un effetto a catena sui tessuti lontani

Un nuovo studio condotto sullo zebrafish mostra che il melanoma è in grado di alterare il metabolismo dei tessuti sani altrove nel corpo. La ricerca suggerisce che questi altri tessuti potrebbero potenzialmente essere presi di mira per aiutare a trattare il cancro.


I tumori si basano su un rifornimento costante di nutrienti per crescere. Invece di competere con i tumori per i nutrienti, altri tessuti possono riprogrammare il loro metabolismo per essere complementari. In alcuni casi, questo può far sì che siano i tessuti sani ad alimentare il tumore.


Il cancro consuma enormi quantità di glucosio, una fonte chiave di energia per le cellule del corpo. Il glucosio, o zucchero nel sangue, è derivato dal cibo e trasportato nel corpo attraverso il flusso sanguigno dopo aver mangiato. I tumori assorbono attivamente il glucosio come carburante per sostenere la loro rapida crescita. Questa caratteristica è così nota che i medici la usano regolarmente come test diagnostico per il cancro, dove ai pazienti viene somministrata una forma specifica di glucosio che può essere monitorata con una scansione Pet. Ciò che è meno chiaro è come la propensione al glucosio di un tumore influenzi altri tessuti.


Quando le persone sane passano un lungo periodo di tempo senza mangiare, i livelli di glucosio nel sangue si mantengono relativamente costanti. Questo perché il glucosio può essere prodotto dal fegato quando non può essere ottenuto direttamente dal cibo.


Lavorando con lo zebrafish, i ricercatori hanno sviluppato un nuovo approccio che utilizza una tecnologia chiamata metabolomica per studiare l’impatto del melanoma su diversi tessuti del corpo.


Gli scienziati hanno alimentato gli animali con nutrienti con etichette isotopiche che hanno permesso di tracciare dove andassero i nutrienti e in quali molecole venissero scomposti. Hanno scoperto che una molecola sputata dal tumore è stata assorbita dal fegato per produrre glucosio.


Applicando la metabolomica ai singoli zebrafish, gli scienziati hanno osservato che i tessuti del melanoma nel corpo consumano circa 15 volte più glucosio degli altri tessuti misurati. Nonostante questo, gli zebrafish sono stati in grado di mantenere i livelli di glucosio circolanti, apparentemente producendo il glucosio nel fegato attraverso un processo che è normalmente attivato durante un digiuno. È tuttavia apparso chiaro che i tessuti sani sono stati colpiti in molti modi dalla presenza del melanoma.


Gli scienziati hanno esaminato i tessuti del fegato, dell’intestino, della pinna, del muscolo, del cervello, del sangue e dell’occhio dello zebrafish, osservando una disregolazione metabolica nella maggior parte dei tessuti. Questo fatto indica che il melanoma ha un ampio impatto sul metabolismo di tutto il corpo.


La relazione metabolica tra il melanoma e il fegato è in parte caratterizzata da un gene chiamato Bcat1 nelle cellule tumorali. Bcat1 passa dall’essere essenzialmente spento nelle cellule sane della pelle all’essere altamente espresso nel melanoma dello zebrafish. Osservando il melanoma dei pazienti umani, i ricercatori sono stati in grado di confermare che lo stesso modello vale per le persone.


Questo lavoro mostra che molti cambiamenti metabolici interessanti avvengono anche al di là del tumore e che, almeno in alcuni casi, questi cambiamenti metabolici nei tessuti non maligni si verificano per sostenere il cancro. Questo significa che in futuro potremmo essere in grado di colpire il metabolismo dei tessuti sani come un potenziale trattamento per il cancro.


Fonte: Cell Metabolism

IT-NON-04814-W-06/2023