Il modo in cui sono assegnati i posti sugli aerei potrebbe ridurre la diffusione del Covid-19

Alcuni ricercatori hanno elaborato due modelli per contribuire a risolvere il problema dell’assegnazione dei posti in aereo (Asap) e abbassare il rischio di trasmissione di Covid-19.

Al momento la strategia più utilizzata è quella di lasciare libero il sedile centrale, ma secondo gli esperti questo può fornire un beneficio limitato.


I ricercatori hanno introdotto due varianti di un modello di assegnazione dei posti a sedere per ottimizzare il modo in cui si dovrebbero far sedere i passeggeri a seconda delle dimensioni dell’aereo e di come i posti sono distribuiti.

I due modelli sono chiamati vertex packing risk minimization (Vpr) e risk-constrained vertex packing (Rcv). Per determinare quale usare, si abbina lo specifico aereo da riempire con i più noti rischi di trasmissione delle malattie, quindi si risolve l’istanza per generare una soluzione ottimale dei posti a sedere.


I ricercatori hanno dimostrato che entrambi i modelli hanno un rischio aggregato inferiore alla strategia di bloccare i posti centrali, dato lo stesso numero di passeggeri. In particolare, la soluzione Vpr è una configurazione ottimale dei posti a sedere per minimizzare il rischio di trasmissione per un numero fisso di passeggeri sull’aereo, mentre Rcv fornisce il numero massimo di passeggeri e la corrispondente configurazione dei posti a sedere dato un rischio totale massimo accettabile di trasmissione.


Lo studio è stato condotto basandosi sui dati dell’influenza: i ricercatori auspicano future analisi a partire da modelli di rischio basati sul Covid-19 in modo da massimizzare i benefici.


Fonte: Service Science

IT-NON-04390-W-04/2023