Il ruolo della carenza di vitamina D nei bambini con rantolo ricorrente

Il rantolo ricorrente (Rw) nell’infanzia è uno dei motivi più frequenti per cui i genitori consultano gli operatori sanitari e ha un notevole costo globale.

Il decorso clinico del Rw è difficile da prevedere, così come stabilire quali neonati progrediranno verso l’asma, dato che non sono stati stabiliti biomarcatori validi.

L’interesse crescente della ricerca si concentra sulle azioni extra scheletriche della vitamina D (VD) e sull’impatto clinico della sua dell’insufficienza. Poiché la carenza di VD potrebbe essere un fattore di rischio per causare la Rw nei bambini, si raccomanda di misurare il loro livello sierico di 25-idrossicolecalciferolo [25(OH)D]

In caso di carenza, si raccomanda la somministrazione di VD in dosi adeguate all’età per almeno 6 settimane, fino al raggiungimento del normale livello di 25(OH)D nel sangue, seguita da un’integrazione fino a quando l’esposizione al sole è inadeguata. 

Dosi più elevate di VD somministrate nel tentativo di prevenire lo sviluppo dell’asma non sembrano avere alcun beneficio aggiuntivo. Nei bambini affetti da Arti grave, si raccomanda di valutare il livello di VD.

Fonte: Frontiers in Pediatrics

IT-NON-02703-W-07/2022