Il test delle urine per determinare il tipo di asma

Esistono molti tipi di asma, con i sintomi che possono variare da lieve a grave. Finora, per effettuare una diagnosi, viene condotta un’indagine ad ampio spettro composta da colloqui con i pazienti, test di funzionalità polmonare, esami del sangue, indagini sulle allergie e radiografie. Tuttavia, non è semplice determinare che tipo di asma ha un paziente, informazione che sarebbe bene avere il prima possibile perché permetterebbe di trattare in modo precoce e più mirato i casi gravi.

Ora un nuovo studio ha scoperto che, grazie al test delle urine, è possibile capire il tipo di asma che caratterizza una persona.
Utilizzando un metodo basato sulla spettrometria di massa, i ricercatori hanno misurato i livelli di metaboliti urinari di alcune prostaglandine e leucotrieni, molecole di segnalazione mediatori dell’infiammazione asmatica delle vie aeree.

Tra le scoperte, livelli particolarmente elevati dei metaboliti del mediatore dei mastociti della prostaglandina D2 e del leucotriene C4 nei pazienti asmatici con quella che viene definita infiammazione di tipo 2. Usando questo metodo, gli scienziati sono stati in grado di misurare questi metaboliti con elevata precisione e di collegarne i livelli alla gravità e al tipo di asma.

La ricerca si basa sui dati dello studio U-Biopred (Unbiased Biomarkers in Prediction of respiratory disease outcomes), che è stato progettato per indagare l’asma grave. Il lavoro comprendeva 400 partecipanti con asma grave, che spesso richiede il trattamento con compresse di corticosteroidi, quasi 100 individui con forme più lievi e 100 partecipanti di controllo sani.

Oltre all’aumento dei livelli di metaboliti associati al tipo e alla gravità dell’asma, lo studio ha dimostrato che la misurazione con un test delle urine fornisce una migliore precisione rispetto ad altri metodi di misurazione, come per esempio alcuni tipi di esami del sangue.

Una seconda scoperta è che i livelli di questi metaboliti erano ancora elevati nei pazienti gravemente malati, nonostante fossero in trattamento con compresse di corticosteroidi. Questo potrebbe evidenziare la necessità di trattamenti alternativi per questo gruppo di pazienti.

I ricercatori hanno analizzato anche campioni di urina di studenti con asma, constatando che i bambini che avevano l’asma con l’infiammazione di tipo 2 mostravano gli stessi profili di metaboliti nelle urine degli adulti. I risultati dello studio costituiscono un passo importante verso la futura medicina di precisione guidata da biomarcatori.

Fonte: American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine

IT-NON-03757-W-01/2023