Incidenza dell’infezione da Clostridioides difficile in ospedale e in comunità

Recenti studi hanno mostrato come lo sviluppo dell’infezione da Clostridioides difficile (HO-CDI) ad esordio in ospedale sia particolarmente influenzato da fattori di rischio per il paziente e per l’ambiente. Sono quindi stati valutati i possibili cambiamenti nell’incidenza di HO-CDI dopo il trasferimento in un ospedale di nuova costruzione con il 50% di stanze private e sono stati valutati i fattori associati.

È stato condotto uno studio retrospettivo per valutare le tendenze nell’incidenza delle CDI prima e dopo il trasferimento utilizzando il modello di analisi di regressione segmentata. L’associazione tra incidenza di CDI e fattori ambientali a livello di reparto è stata poi valutata utilizzando un modello di analisi di regressione lineare.

I risultati mostrano una riduzione dell’incidenza di HO-CDI da 6,14 a 1,17 per 10.000 giorni-paziente rispettivamente nel vecchio e nel nuovo ospedale. Allo stesso modo, l’incidenza di CDI (CO-CDI) a esordio in comunità è diminuita da 1,71 a 0,46 per 1000 ricoveri. Inoltre, l’incidenza di HO-CDI era positivamente correlata con l’incidenza di CO-CDI e inversamente correlata con il rapporto delle stanze private con quasi la metà dei pazienti con CO-CDI ricoverata in ospedale entro 28 giorni prima dell’esordio.

Dai dati raccolti emerge che i miglioramenti ambientali dopo il trasferimento potrebbero aver ridotto il reservoir di C. difficile, determinando così una diminuzione del numero di portatori asintomatici e di pazienti affetti da CO-CDI. Quindi, il trasferimento in un nuovo ospedale ha contribuito significativamente a ridurre l’incidenza da infezione di C. difficile in ospedale, diminuendo contemporaneamente l’incidenza dell’infezione in comunità.

American Journal of Infection Control

IT-NON-06396-W-02/2024