Indicare un individuo come iperteso può causare più danni che benefici se il rischio cardiovascolare è basso

Negli individui a basso rischio di malattie cardiovascolari, il fatto di essere etichettati come pazienti con pressione alta o ipertensione in base a una lettura della pressione arteriosa elevata ha portato a una maggiore preoccupazione per la malattia, ma a nessun cambiamento nella volontà di apportare cambiamenti nello stile di vita, secondo uno studio pubblicato su Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes.


“Questa è la prima indagine randomizzata che confronta l’effetto di diverse “etichette” tratte dalle linee guida per la pressione arteriosa alta (ipertensione, pressione normale elevata, pressione controllata) sugli esiti psicosociali e comportamentali” afferma Danielle Marie Muscat, della University of Sydney, autrice principale del lavoro.


I ricercatori hanno arruolato 1.318 individui australiani da un panel online, e li hanno randomizzati a uno di tre ipotetici scenari in cui un medico generico diceva ai partecipanti di avere una lettura della pressione arteriosa di 135/85 mmHg, descrivendola come ipertensione, pressione arteriosa normale elevata o pressione controllata.


Gli esiti primari erano la preoccupazione dei partecipanti per il rischio di malattia cardiovascolare e la volontà di cambiare stile di vita in base alla valutazione di un questionario online. I risultati secondari hanno incluso la volontà di fare esercizio fisico, accettare farmaci, o modificare i comportamenti relativi alla salute, la gravità della malattia percepita e altri esiti psicosociali.


I ricercatori non hanno riscontrato differenze nella disponibilità a cambiare la dieta in tutti e tre i gruppi, e non hanno trovato alcuna prova che l’etichetta di ipertensione o di pressione alta normale aumentasse la disponibilità a fare esercizio. Secondo lo studio, l’etichetta di ipertensione e di pressione arteriosa normale elevata hanno portato a una maggiore preoccupazione per il rischio di malattia cardiovascolare rispetto a un’etichetta di pressione sotto controllo. L’etichetta di ipertensione ha aumentato la disponibilità ad accettare farmaci per abbassare la pressione arteriosa rispetto all’etichetta di pressione sotto controllo, ma questo non si è verificato per l’etichetta di pressione normale elevata.


Inoltre, i partecipanti assegnati alle etichette ipertensione e normale elevata hanno riferito ripercussioni psicosociali come percezione di gravità della malattia, negatività, e riduzione della felicità generale rispetto ai controlli.


“Questi risultati suggeriscono che l’etichettatura di persone a basso rischio sulla base di letture della pressione arteriosa sistolica comprese tra 130 e 140 mm Hg può causare più probabilmente danni che benefici” concludono gli autori.


“I risultati di questo studio sono un promemoria del giuramento di Ippocrate, ‘Primum, non nocere’” scrive in un editoriale correlato Anastasia Mihailidou, del Kolling Institute di Sydney. “Infatti, avvisare le persone che sono ipertese o hanno una pressione normale elevata quando hanno un basso rischio di malattie cardiovascolari può potenzialmente causare danni piuttosto che coinvolgerle” conclude l’editorialista.


Fonte: Circulation Cardiovasculary Quality and Outcomes

IT-NON-04520-W-04/2023