Infanzia: gli emollienti non sembrano efficaci nella prevenzione della dermatite atopica

L’uso precoce di emollienti nell’infanzia non ha mostrato di essere utile nel prevenire la dermatite atopica, secondo una revisione della letteratura e metanalisi pubblicata da Dermatology, e diretto da Di Xu, del Zibo Central Hospital, Zibo, Cina, ma questo risultato non può essere considerato definitivo.


“La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle caratterizzata da pelle secca, forte prurito, infiammazione e qualità della vita compromessa. L’idratazione è parte integrante del trattamento per questa patologia, ma quanto l’idratazione possa fare per la prevenzione della dermatite atopica non è ben chiaro” spiega Xu.


I ricercatori, per valutare se l’uso precoce di emollienti nell’infanzia potesse prevenire lo sviluppo successivo della dermatite atopica, hanno portato avanti una ricerca su Medline, Embase, Web of Science, PubMed, Cochrane Library e altri database per raccogliere studi randomizzati controllati sull’uso precoce di emollienti nei neonati. Nello studio alla fine sono stati inclusi nove articoli.


Ebbene, gli esperti hanno visto che la differenza nel tasso di incidenza di dermatite atopica tra i gruppi sperimentale e di controllo non era statisticamente significativa. Tuttavia, a causa dei diversi metodi di utilizzo degli emollienti, dei diversi tempi di follow-up e delle diverse dimensioni del campione presenti negli studi considerati, non è stato possibile raggiungere una conclusione definitiva sulla questione.


“In futuro, saranno necessari studi randomizzati, controllati, multicentrici, su grandi campioni con un eccellente disegno di studio e un’elevata qualità metodologica per meglio comprendere i potenziali vantaggi dell’applicazione precoce di emollienti nei neonati ad alto rischio per prevenire la dermatite atopica” concludono gli autori.


Fonte: Dermatology

IT-NON-06097-W-12/2023