Infezione da Hcv e rischio tumori di testa e collo

Le evidenze più recenti hanno costantemente suggerito un ruolo per l’Hcv nell’eziologia dei carcinomi squamocellulari di testa e collo, ma le conclusioni di questi studi sono state spesso limitate dalle ristrette dimensioni dei campioni.

E’ stata dunque effettuata una meta-analisi per riassumere le attuali evidenze sull’associazione fra l’Hcv e questi tumori.Sono stati presi in considerazione 8 studi osservazionali: è stata riscontrata una significativa associazione fra infezione da Hcv e tumori di cavità orale, orofaringe e laringe.

E’ stata riscontrata una situazione simile anche per i tumori ipofaringei, per quanto quest’ultimo risultato non raggiunga la piena significatività statistica per via dello scarso numero di studi disponibili.
Questi dati comunque sono rimasti simili anche dopo l’esclusione dei pazienti con coinfezione da Hiv.

I risultati della meta-analisi hanno evidenziato l’importanza della sorveglianza del tratto aerodigestivo superiore nei pazienti con nota infezione cronica da Hcv, allo scopo di consentire la diagnosi precoce dei tumori squamocellulari di testa e collo.

I dati inoltre rammentano la possibilità di infezioni da Hcv non diagnosticate ai medici che trattano questi tumori. 

Fonte: Oral Oncol 2020

IT-NON-02541-W-07/2022