Interazioni tra S. pneumoniae e sindrome respiratoria acuta grave da COVID-19

Le interazioni batteriche-virali nelle vie aeree superiori e inferiori influenzano la storia naturale di numerose infezioni da virus respiratorio. Tuttavia, una parte sostanziale delle malattie respiratorie associate all’influenza coinvolge il batterio Streptococcus pneumoniae e le infezioni da pneumococco seguono molto da vicino l’incidenza di altre infezioni da virus respiratorio; questo accade a causa dell’infiammazione indotta dal virus nelle vie aeree superiori, che altera le risposte innate ai pneumococchi e facilita l’acquisizione del trasporto pneumococcico e una perdita di controllo sulla progressione alla polmonite batterica secondaria.

Ora, mentre la polmonite pneumococcica secondaria si verifica meno comunemente dopo la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) rispetto ad altre infezioni virali, non è chiaro se si verificano altre interazioni tra la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) e Streptococcus pneumoniae.

Sono quindi state indagate le potenziali interazioni tra questi agenti patogeni in un campione di adulti di età ≥65 anni, misurando le associazioni degli esiti di COVID-19 con la vaccinazione pneumococcica (vaccino coniugato 13-valente [PCV13] e vaccino pneumococcico polisaccaridico 23-valente [PPSV23]). Poi sono stati stimati i rapporti di rischio ed è stata valutata la modifica dell’effetto mediante esposizione agli antibiotici per testare ulteriormente il ruolo causale dei pneumococchi.

Tra 531.033 adulti, ci sono state 3.677 diagnosi di COVID-19, che hanno portato a 1.075 ricoveri e 334 decessi; gli aHR stimati per la diagnosi di COVID-19, il ricovero e la mortalità associati alla precedente ricezione di PCV13 sono stati rispettivamente di 0,65, 0,68 e 0,68, mentre la precedente ricezione di PPSV23 non era associata alla protezione contro i 3 esiti. La diagnosi di COVID-19, invece, non è risultata correlata a un precedente PCV13 entro 90 giorni dalla somministrazione dell’antibiotico, mentre le stime di aHR erano 0,65 durante i periodi di rischio 91-365 giorni e 0,62 durante i periodi di rischio >365 giorni, dopo la somministrazione dell’antibiotico.

Quindi, il rischio ridotto di COVID-19 tra i riceventi di PCV13, attenuato transitoriamente dall’esposizione agli antibiotici, suggerisce che i pneumococchi possano interagire con SARS-CoV-2.

The Journal of Infectious Diseases – https://doi.org/10.1093/infdis/jiab128

https://academic.oup.com/jid/article/225/10/1710/6164926

IT-NON-07245-W-06/2024