Interventi di autogestione con esercizio fisico aggiunto aiutano a migliorare il dolore nella lombalgia cronica

Secondo uno studio pubblicato su Musculoskeletal Science and Practice, esistono prove, anche se di bassa qualità, che gli interventi di autogestione (SMI) con esercizi fisici aggiuntivi abbiano effetti moderatamente positivi sul dolore e sulla disabilità nei pazienti con lombalgia cronica rispetto agli interventi di controllo che comportano cure abituali, in genere consistenti nell’accesso a farmaci, esercizio fisico, consulenza, istruzione e terapia manuale.


“Le linee guida sulle migliori pratiche sostengono l’autogestione e l’esercizio nella gestione della lombalgia cronica. La maggior parte degli interventi di autogestione esistenti non include componenti di esercizio fisico e l’effetto sulla lombalgia e sulla disabilità rimane poco chiaro” spiega Akushla Rathnayake, della Cardiff University, nel Regno Unito, primo autore dello studio.


I ricercatori hanno rivisto sistematicamente le prove dell’effetto degli interventi di autogestione con l’aggiunta di una componente di esercizio fisico, sul dolore e sulla disabilità nelle persone con lombalgia cronica.


Nella revisione sono stati inclusi nove studi randomizzati controllati e la valutazione della qualità GRADE ha rivelato prove di bassa qualità per tutte le metanalisi in tre punti di follow-up. Le dimensioni dell’effetto per il dolore erano -0,28, -0,36 e -0,21 rispettivamente a breve, medio e lungo termine e per la disabilità -0,30, -0,25 e -0,20 a breve, intermedio e lungo termine. Sei studi su nove includevano programmi di allenamento personalizzati e le componenti dell’esercizio differivano ampiamente nel contenuto e nella consegna.


Fonte: Musculoskelet Sci Pract. 2021

IT-NON-05839-W-11/2023