Klebsiella pneumoniae: gli interventi di salute pubblica

Attualmente gli studi riguardanti la futura prevalenza della colonizzazione con betalattamasi a spettro esteso (ESBL-) che produce K. pneumoniae negli esseri umani e il potenziale degli interventi di salute pubblica contro la diffusione di questi batteri resistenti rimangono incerti. Pertanto, sulla base del consumo di antimicrobici e dei dati di sensibilità registrati durante > 13 anni in una regione svizzera, è stato sviluppato un modello matematico per valutare l’effetto comparativo di diversi interventi sulla prevalenza della colonizzazione.

L’applicazione di questo disegno ha individuato uno stabilizzarsi della prevalenza nel prossimo futuro, quando si presumeva che i tassi di consumo di antimicrobici e di trasmissione in ospedale rimanessero stabili (prevalenza nel 2025: 6,8% negli ospedali, 3,5% negli ospedali comunità vs. il 6,1% e il 3,2% nel 2019). Quando poi il consumo complessivo di antimicrobici è sembrato diminuire fino al 50%, la stessa prevalenza nel 2025 è diminuita del 75% negli ospedali e del 64% nella comunità. Invece, un calo del 50% del tasso di trasmissione in ospedale ha portato a una riduzione nel 2025 della prevalenza del 31% negli ospedali e a nessuna riduzione nella comunità. Inoltre, il miglior adattamento del modello ha stimato che il 49% (6–100%) delle colonizzazioni osservate potrebbe essere attribuibile a fonti diverse dalla trasmissione da uomo a uomo all’interno dell’ambiente geografico.

Le proiezioni, quindi, suggeriscono che il consumo complessivo di antimicrobici sarà, di gran lunga, il più potente motore di prevalenza e che una grande parte delle colonizzazioni potrebbe essere attribuita a trasmissioni non locali.

BMC Infectious Disease – https://doi.org/10.1186/s12879-022-07441-z

https://bmcinfectdis.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12879-022-07441-z

IT-NON-07124-W-05/2024