La mindfulness per la riduzione del dolore associato al tumore al seno

Il programma di riduzione dello stress basato sulla mindfulness (MBSR, dall’inglese mindfulness-based stress reduction) potrebbe aiutare a modulare il dolore neuropatico correlato al trattamento del cancro al seno.
È quanto suggerisce uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Ottawa e pubblicato dalla rivista Mindfulness.

“Il dolore neuropatico è un effetto collaterale molto comune della chemioterapia e di altri trattamenti contro il cancro al seno. Gli antidolorifici non sempre funzionano e la qualità della vita, le capacità cognitive e il benessere generale possono essere ridotti a causa di questo dolore”, commenta Andra Smith, autore senior dello studio e professore ordinario presso la Ottawa School of Psychology.

Sono state incluse nello studio 21 donne sopravvissute al cancro al seno che soffrivano di dolore cronico: 11 sono state trattate un programma MBSR di 8 settimane e 10 hanno fatto parte parte del gruppo di controllo.

L’attività cerebrale di tutte le partecipanti è stata osservata con la risonanza magnetica funzionale e sono stati analizzati i risultati dell’imaging (pre e post trattamento), il dolore e la qualità della vita nei due gruppi

“In seguito alla MBSR abbiamo osservato importanti riduzioni dell’attività cerebrale nelle regioni correlate al dolore, alla regolazione emotiva e all’elaborazione cognitiva. Sia la gravità del dolore che l’interferenza del dolore, per il gruppo MBSR, erano significativamente ridotte alla fine del programma di 8 settimane”, spiega Smith.

Un metodo non invasivo potrebbe quindi alleviare il dolore neuropatico cronico nelle donne dopo il trattamento del cancro al seno. “La consapevolezza ha un effetto neurofisiologico che può alterare la percezione del dolore”, aggiunge l’autore.

Fonte: Mindfulness

IT-NON-03692-W-01/2023