La rigidità arteriosa nei giovani aumenta il rischio di sviluppare il diabete

La rigidità arteriosa nell’adolescenza può essere un fattore di rischio per l’iperinsulinemia e per la resistenza all’insulina nella età adulta precoce, determinando quindi un aumento della possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2, secondo uno studio pubblicato su Hypertension.

“Prove emergenti tra gli adulti sani suggeriscono che una maggiore rigidità arteriosa può precedere una glicemia a digiuno più elevata, e potrebbe rappresentare un nuovo fattore di rischio per il diabete di tipo 2 incidente. Abbiamo dimostrato in precedenza che una maggiore rigidità arteriosa nell’adolescenza può causare aumento della pressione sanguigna/ipertensione e sovrappeso/obesità nella giovane età adulta” spiega Andrew Agbaje, dell’Università della Finlandia orientale, primo autore dello studio.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 3.862 partecipanti all’Avon Longitudinal Study of Parents and Children che sono stati seguiti per sette anni, e hanno valutato la velocità dell’onda del polso carotideo-femorale e lo spessore intima-media carotideo all’età di 17,7 anni e di nuovo all’età di 24,5 anni. I partecipanti hanno anche fornito campioni di sangue a digiuno durante entrambe le visite per calcolare la valutazione del modello omeostatico (HOMA) dell’insulino-resistenza e la percentuale della funzione delle cellule beta del pancreas.

All’età di 24,5 anni, il 9,2% dei partecipanti era a rischio di glicemia alta, e più del 40% aveva insulina alta. Meno di otto partecipanti hanno sviluppato il diabete di tipo 2 a esordio giovanile all’età di 17,7 e 24,5 anni.

Gli esperti hanno scoperto che una maggiore velocità dell’onda del polso carotideo-femorale misurata all’età di 17,7 anni era associata a una maggiore insulina all’età di 24,5 anni; tuttavia, l’associazione non persisteva dopo aggiustamento per fattori cardiometabolici e stile di vita. Un maggiore spessore intima-media carotideo misurato all’età di 17,7 anni era associato a un’insulina inferiore all’età di 24,5 anni, con risultati persistenti dopo l’aggiustamento per altri fattori. Nei modelli a effetti misti, la progressione a sette anni della velocità dell’onda del polso carotideo-femorale era direttamente associata a un aumento a sette anni delle HDL e dei trigliceridi, ma era associata a un aumento della funzione delle cellule beta solo tra i partecipanti con sovrappeso o obesità. Una progressione a sette anni dello spessore intima-media carotideo è stata direttamente associata a un aumento a sette anni di LDL, HDL, livello di trigliceridi e glucosio, ma è stata anche negativamente associata alla percentuale di HOMA della funzione delle cellule beta pancreatiche.

“Poiché questi studi emergenti hanno mostrato il potenziale effetto deleterio della rigidità arteriosa, è fondamentale identificare i fattori di rischio modificabili che precipitano la rigidità arteriosa negli adolescenti, la maggior parte dei quali sono normopeso e sani” conclude Agbaje.

Bibliografia: Agbaje AO, et al. Hypertension. 2022;doi:10.1161/HYPERTENSIONAHA.121.18754.

IT-NON-06287-W-01/2024