Lazio. In arrivo quasi 98 milioni per edilizia sanitaria. D’Amato: “Cambieremo il volto delle nostre strutture e ospedali”

Nel corso della seduta di ieri della Giunta regionale del Lazio è stata approvata la delibera per l’approvazione del Piano decennale in materia di investimenti in edilizia sanitaria ex Art. 20 (Terza fase) per un importo complessivo di 97.845.976 euro.

“Sono interventi che cambieranno il volto delle nostre strutture e dei nostri ospedali, migliorando il servizio e la qualità delle cure. Mettiamo a disposizione dei professionisti le migliori tecnologie per offrire un servizio sempre più di qualità per i cittadini e il territorio. Tra gli interventi più significativi nella città di Roma l’ampliamento e il potenziamento del pronto soccorso dell’ospedale San Camillo, il centro di protonterapia all’IFO – Regina Elena e l’RSA pubblica al San Michele Asl Roma 2). Nelle province il nuovo ospedale di Acquapendente (VT) e la radioterapia a Civitavecchia”, ha dichiarato l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Gli interventi previsti sono di tipo edile ed impiantistico ed è previsto l’acquisto di nuove attrezzature e tecnologie. Nello specifico gli interventi riguardano la Asl Roma 2 (stanziamento di 9,4 milioni di euro) per la realizzazione di una RSA presso l’Istituto Romano San Michele. Presso l’ospedale San Giovanni Addolorata (stanziamento di 11,8 milioni di euro) per nuovo servizio di diagnostica di medicina nucleare. Presso l’ospedale San Camillo di Roma (stanziamento da 3,2 milioni di euro) per interventi di ampliamento del pronto soccorso del padiglione Piastra. Nelle province nella Asl Roma 4 a Civitavecchia (stanziamento da 8,4 milioni di euro) per la radioterapia dell’ospedale San Paolo. Nella Asl di Viterbo (stanziamento da 37,2 milioni di euro) per la realizzazione del nuovo ospedale di Acquapendente.

Nel Piano approvati anche circa 30 milioni per l’acquisto di nuove tecnologie e nello specifico 24,5 milioni di euro per il Centro di Protonterapia presso l’IFO – Regina Elena di Roma e 3,1 milioni di euro per la nuova PET presso il padiglione Antonini dell’ospedale San Camillo di Roma.

IT-NON-07295-W-06/2024