LDL-C: anche se è elevato, predice un basso rischio di eventi in assenza di calcificazioni coronariche

Nei pazienti sintomatici con livelli di colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) gravemente elevati, pari ad almeno 190 mg/dL, che sono universalmente considerati ad alto rischio dalle linee guida, l’assenza di placche calcificate e non calcificate alla tomografia computerizzata cardiaca è associata a un basso rischio di eventi di malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD), secondo uno studio pubblicato su JAMA Network Open.

“Il carico di aterosclerosi e il calcio coronarico sono associati al rischio di eventi, e l’assenza di placche e di calcificazioni coronariche indica un basso rischio. Non è noto se questo sia vero nei pazienti con livelli elevati di LDL-C. In particolare, un’elevata prevalenza di placche non calcificate potrebbe segnalare un rischio elevato di ASCVD” afferma Martin Bødtker Mortensen, dello Aarhus University Hospital, in Danimarca, e della Johns Hopkins University School of Medicine, Baltimore, Stati Uniti, autore principale dello studio.

I ricercatori hanno quindi voluto determinare la prevalenza delle placche non calcificate e calcificate negli adulti sintomatici e valutarne l’associazione con gli eventi cardiovascolari tenendo conto dei valori di LDL-C. Per questo hanno studiato pazienti sintomatici sottoposti a tomografia computerizzata cardiaca dal 1 gennaio 2008 al 31 dicembre 2017 e i cui dati erano raccolti in un registro danese.

Un totale di 23.143 pazienti con un’età media di 58 anni sono stati inclusi nell’analisi. Durante un follow-up mediano di 4,2 anni, si sono verificati 1.029 eventi di ASCVD e morte. I valori di LDL-C sono stati stratificati in più gruppi, e in tutti questi gruppi l’assenza di calcificazioni coronariche (CAC) era associata a bassi tassi di ASCVD e morte, con tassi crescenti nei pazienti con punteggi CAC da 1 a 99 e punteggi CAC di almeno 100. Tra le persone con punteggi CAC pari a 0, il tasso di eventi per 1000 persone-anno era pari a 6,3 nella popolazione complessiva rispetto a 6,9 nelle persone con livelli di LDL-C di almeno 190 mg/dl. Per tutti i gruppi di LDL-C, i tassi erano simili e bassi nelle persone con punteggi CAC pari a 0, indipendentemente dal fatto che non avessero placche, calcificate o meno.

“I nostri risultati suggeriscono anche che il carico di aterosclerosi, e anche il punteggio CAC, possono essere utilizzati per personalizzare l’intensità del trattamento in pazienti con livelli di LDL-C gravemente elevati” concludono gli autori.

Fonte: JAMA Netw Open. 2022