Lesioni al ginocchio: alloinnesto osteocondrale migliora dolore e esiti funzionali

Secondo i risultati di uno studio pubblicato dall’Orthopaedic Journal of Sports Medicine, i pazienti sottoposti ad alloinnesto osteocondrale al ginocchio hanno avuto miglioramenti significativi nel sollievo dal dolore e negli esiti funzionali, anche quando non sono tornati allo sport.


James Cook, della University of Missouri-Columbia, e colleghi hanno valutato 37 atleti sottoposti a trapianto di ginocchio con alloinnesto osteocondrale primario di grandi dimensioni (n=17), multi-superficie (n=4) o bipolare (n=16) per lesioni o uso eccessivo e difetti articolari correlati da giugno 2015 a marzo 2018. Per essere inclusi nello studio, gli atleti dovevano avere un livello Tegner pre-infortunio di 5 o superiore, tipo e livello di sport documentati e un follow-up minimo di un anno, incluso il ritorno allo sport.


I ricercatori hanno valutato e confrontato le caratteristiche del paziente, il tipo di intervento chirurgico, il livello di Tegner, il ritorno allo sport, le misure dei risultati riferiti dai pazienti, la compliance con la riabilitazione, le revisioni e gli insuccessi per differenze statisticamente significative. I risultati hanno mostrato che il 68% dei pazienti era tornato allo sport al follow-up finale, e che il 68% era rientrato allo stesso livello o a un livello più alto di sport rispetto al periodo pre-trauma.


Gli esperti hanno scoperto che gli atleti impiegavano un tempo medio di 16 mesi per tornare allo sport, e che gli atleti di collegi o gruppi militari, college competitivi e scuole superiori sono rientrati con una proporzione significativamente più alta rispetto agli atleti a livello ricreativo. Tutti i pazienti avevano un livello di Tegner significativamente più basso al follow-up finale rispetto al più alto livello di Tegner prima del trauma.


I risultati hanno mostrato che il 5% dei pazienti è stato sottoposto a revisione dell’allotrapianto osteocondrale e il 5% dei pazienti ha avuto insuccessi che hanno richiesto l’artroplastica totale del ginocchio, e si trattava in tutti i casi di atleti ricreativi. Gli autori sottolineano che era presente una non conformità nell’11% dei pazienti, e questi pazienti avevano una probabilità 15,5 volte maggiore di essere associati a un fallimento o alla necessità di una revisione rispetto ai pazienti conformi.


Fonte:  J Sports Med. 2021

IT-NON-04767-W-05/2023