L’esposizione all’inquinamento atmosferico contribuisce all’asma infantile

Un recente studio condotto nell’Ontario ha dimostrato che i bambini nati a Sarnia hanno un rischio maggiore di sviluppare l’asma rispetto alle città vicine. Il team di ricerca ha ipotizzato che una maggiore esposizione all’inquinamento atmosferico nel primo anno di vita abbia contribuito a questo rischio maggiore.


I bambini nati a Sarnia negli anni ’90 e nei primi anni 2000 avevano un rischio sproporzionatamente più alto rischio di sviluppare l’asma nei primi anni di vita rispetto alle città vicine. L’esposizione all’inquinamento atmosferico nel primo anno è stata associata allo sviluppo dell’asma nei bambini.


I tassi complessivi di nuove diagnosi di asma infantile nell’Ontario sud-occidentale sono diminuiti nel tempo in parallelo alla riduzione dei livelli di inquinamento atmosferico.


Le città dell’Ontario sud-occidentale hanno livelli diversi di inquinamento atmosferico a causa delle differenze nell’industria e nel traffico. Per esempio, Sarnia è la sede della “Chemical Valley” dove sono raggruppati numerosi impianti chimici e raffinerie di petrolio. I ricercatori hanno voluto capire se i bambini nati in tre città – Londra, Windsor e Sarnia – avevano un rischio diverso di sviluppare l’asma a causa dei diversi livelli di inquinamento atmosferico, anche se le persone che vivono in queste città sono altrimenti comparabili in molti modi.


Gli autori del lavoro hanno seguito 114.427 bambini nati in queste città tra il 1993 e il 2009 per 10 anni e hanno scoperto che quelli di Sarnia erano al più alto rischio di sviluppare l’asma. I ricercatori hanno scoperto che all’età di 10 anni, quasi il 24% dei bambini di Sarnia ha ricevuto una diagnosi di asma, rispetto al 21% di Windsor e al 17% di Londra. Le differenze erano presenti anche dopo aver tenuto conto di molti fattori di rischio associati all’asma, come il sesso, lo stato socioeconomico e l’ambiente urbano rispetto a quello rurale. I risultati erano più evidenti nei primi due anni di vita, ma persistenti oltre i sei anni.


Il rischio per i bambini si è poi ridotto negli ultimi anni, con la diminuzione dei livelli di inquinamento.


C’è anche una crescente evidenza che l’esposizione durante la gravidanza possa influenzare lo sviluppo dell’asma nei bambini. I ricercatori hanno bisogno di esaminare come la diminuzione delle esposizioni all’inquinamento atmosferico all’interno di un’area geografica si traduca in riduzioni dello sviluppo dell’asma. Capire la quantità di inquinamento atmosferico a cui una madre e un bambino sono esposti, e come questo impatta il loro rischio personale, potrebbe consentire alle regioni di mirare a livelli più sicuri per i loro residenti.


Fonte: Cmaj Open

IT-NON-04652-W-05/2023