Leucemia: tossicità correlate al trattamento nei giovani

Le tossicità correlate al trattamento sono una potenziale causa di disparità per la sopravvivenza nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta. I ricercatori dell’University of California Davis School of Medicine, Sacramento, hanno cercato di identificare le tossicità correlate al trattamento più frequentemente associate ai ricoveri nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti. I risultati sono stati pubblicati di recente dalla rivista Leukemia & Lymphoma.

 Gli autori hanno usato il California Cancer Registry collegato a un database di dimissioni ospedaliere in tutto lo Stato per identificare i bambini e i giovani adulti che avevano manifestato tossicità correlate al trattamento nei 3 anni dalla diagnosi. Hanno valutato la frequenza delle tossicità, la durata del soggiorno in ospedale, i tassi di ammissione associati alle tossicità e l’impatto delle tossicità sulla sopravvivenza.

Le tossicità correlate al trattamento più comuni sono state la neutropenia febbrile, l’ipertensione e la trombocitopenia, sia per i bambini che per i giovani adulti. I giovani adulti avevano una durata del soggiorno in ospedale mediana più lunga rispetto ai bambini per la maggior parte delle tossicità. Presso i centri oncologici non specializzati i giovani adulti hanno avuto una maggiore frequenza di ricoveri associati a tossicità rispetto ai centri specializzati. Le tossicità cardiovascolari, respiratorie, gastrointestinali, renali e infettive erano associate a una sopravvivenza peggiore.

Fonte: Leuk Lymphoma. 2022

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35999808/

IT-NON-07706-W-09/2024