L’impatto dei disturbi da uso di alcol e altre sostanze sulla mortalità nei pazienti con disturbi alimentari

I diversi tipi di disturbi da uso di sostanze hanno un effetto additivo sull’eccesso di mortalità nei pazienti con disturbi alimentari. La prevenzione e il trattamento di questi disturbi è quindi indispensabile per ridurre la mortalità. Lo suggerisce uno studio pubblicato dalla rivista The American Journal of Psychiatry.


Gli autori hanno valutato l’associazione dei disturbi da uso di alcol e di altri disturbi da uso di sostanze con la mortalità nell’anoressia nervosa, nella bulimia nervosa e nei disturbi alimentari non specificati rispetto ai soggetti di controllo abbinati. Lo studio ha incluso 20.759 pazienti con disturbi alimentari e 83.036 soggetti di controllo. I rapporti di rischio sono stati calcolati per confrontare il rischio di mortalità per tutte le cause tra pazienti con disturbi alimentari e soggetti di controllo con e senza diagnosi di disturbi da uso di sostanze (abuso o dipendenza da alcol, cannabis o droghe pesanti).


Per i pazienti con un disturbo alimentare, è stato osservato un rischio più elevato di mortalità per tutte le cause rispetto ai soggetti di controllo senza disturbi da uso di sostanze tra coloro che hanno abusato di alcol e/o cannabis o droghe pesanti da sole o in combinazione con alcol e/o cannabis, rispetto a quelli senza disturbi da uso di sostanze. Anche i soggetti di controllo con un disturbo da uso di sostanze hanno mostrato un rischio elevato di mortalità per tutte le cause rispetto ai soggetti di controllo senza questi disturbi, sebbene in misura molto minore rispetto ai pazienti con disturbi alimentari.


Fonte: Am J Psychiatry. 2021