L’importanza della palpazione nell’esame di screening del cancro della pelle

La pandemia ha aumentato la telemedicina e in generale le diagnosi a distanza, ma alcuni esperti ricordano il valore che una corretta palpazione aggiunge alla pratica dermatologica. Nel loro studio gli esperti hanno presentato un caso che dimostra i limiti della cura senza contatto e come una corretta palpazione durante l’esame del cancro della pelle possa avere un impatto importante sugli esiti clinici e estetici.


Un paziente maschio di 86 anni con sindrome di Sezary e linfocitosi monoclonale a cellule B, la cui invasione del carcinoma a cellule squamose non è stata diagnosticata con la sola ispezione visiva.
Il paziente ha ritardato il trattamento del suo carcinoma a cellule squamose dimostrato dalla biopsia per 15 mesi. Al follow-up, l’esame visivo ha mostrato solo una cicatrice bioptica ben guarita, e il trattamento è stato ritardato di altri due mesi.

Infine, un esame fisico approfondito ha rilevato un’invasione perineurale. Questo ha aiutato a guidare l’approccio Mohs, ma a causa dei ritardi ha portato a un difetto finale più grande e a risultati estetici più scadenti.

Secondo gli autori dello studio, una corretta e profonda palpazione delle lesioni cutanee, in particolare dei siti di biopsia precedenti, è imperativa per il trattamento del cancro della pelle in aree esteticamente sensibili. Le cicatrici da biopsia sul viso spesso guariscono bene, e la sola ispezione visiva può non cogliere dettagli cruciali. Questo caso dovrebbe anche ricordare ai dermatologi l’importanza dell’educazione del paziente nel trattamento tempestivo del cancro della pelle per ottenere i migliori risultati clinici e estetici.


Fonte: Journal of Cosmetic Dermatology

IT-NON-04274-W-03/2023