L’infezione da COVID-19 non aumenta il rischio di sanguinamento gastrointestinale

Secondo uno studio pubblicato sullo United European Gastroenterology Journal, nei pazienti con COVID-19 il rischio di sanguinamento gastrointestinale non sembra essere aumentato.


“I pazienti con malattia da nuovo coronavirus sono a maggior rischio di eventi tromboembolici. Non è chiaro tuttavia se sia aumentato anche il rischio di sanguinamento gastrointestinale” afferma Stephan Zellmer, dello University Hospital Augsburg, in Germania, primo autore del lavoro.


Per meglio chiarire la questione i ricercatori hanno valutato 4.128 pazienti con COVID-19 arruolati nel registro Lean European Open Survey on SARS-CoV-2 (LEOSS). Hanno quindi esaminato l’associazione tra l’insorgenza di emorragie gastrointestinali e comorbilità, nonché i farmaci. Inoltre, 1.216 pazienti di un altro registro, COKA, sono stati valutati concentrandosi sui risultati diagnostici dell’endoscopia.


In entrambi i registri sono stati identificati un numero cumulativo di 97 pazienti (1,8%) con sanguinamento gastrointestinale. Dei 4.128 pazienti del registro LEOSS, 66 pazienti (1,6%) hanno avuto un sanguinamento gastrointestinale. Il tasso di sanguinamento gastrointestinale nei pazienti con ricovero in unità di terapia intensiva (ICU) è stato del 4,5%. L’uso di dosi terapeutiche di anticoagulanti ha mostrato un’associazione significativa con l’aumentata incidenza di sanguinamento nella fase critica della malattia. L’indice di comorbidità di Charlson e l’indice di gravità di COVID-19 erano significativamente più alti nel gruppo di pazienti con sanguinamento gastrointestinale rispetto al gruppo di pazienti senza sanguinamento gastrointestinale. Nel registro COKA 31 pazienti (2,5%) hanno sviluppato un sanguinamento gastrointestinale. Di questi, la fonte di sanguinamento è stata identificata nel tratto gastrointestinale superiore in 21 pazienti (67,7%), e l’ulcera è stata la fonte di sanguinamento più frequente (25,8%, n = 8) seguita dal reflusso gastroesofageo (16,1%, n = 5). In tre pazienti (9,7%) la fonte di sanguinamento gastrointestinale era localizzata nel tratto gastrointestinale inferiore causato principalmente da sanguinamento diverticolare (6,5%, n = 2). In sette pazienti (22,6%) la localizzazione del sanguinamento è rimasta sconosciuta.


“Coerentemente con quanto visto in ricerche precedenti, le comorbilità e la gravità della malattia, nonché l’assunzione di anticoagulanti, sono correlate con l’incidenza di sanguinamento gastrointestinale. Nel complesso, tuttavia, possiamo concludere che il rischio di sanguinamento gastrointestinale non sembra essere aumentato nei pazienti con COVID-19” affermano gli autori.


Fonte: United European Gastroenterol J. 2021

IT-NON-05709-W-10/2023