Linfoma non Hodgkin: i sopravvissuti più giovani sono a maggior rischio di sviluppare patologie correlate all’età

I sopravvissuti al linfoma non-Hodgkin a cellule B (B-NHL) a cui il tumore è stato diagnosticato in più giovane età sembrano avere un rischio relativo più elevato di sviluppare malattie legate all’età rispetto ai sopravvissuti al B-NHL a cui è stato diagnosticato il tumore almeno cinque anni dopo. Lo rivela uno studio pubblicato dalla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention.


Il NHL è più frequentemente diagnosticato nelle persone di età compresa tra 65 e 74 anni; tuttavia, alcuni sottotipi vengono diagnosticati in età più giovane e i pazienti più giovani spesso sono sottoposti a regimi di trattamento più aggressivi. Gli autori hanno precedentemente stabilito che i giovani sopravvissuti alla NHL hanno un rischio relativo più elevato di malattie cardiache e arteriose specifiche rispetto alle loro controparti più anziane. Nel presente studio, hanno valutato il rischio a lungo termine di malattie respiratorie, renali e di altro tipo legate all’invecchiamento, tra i sopravvissuti al NHL più giovani rispetto a quelli più anziani.


Lo studio ha incluso i dati di 2.129 sopravvissuti al B-NHL dallo Utah Cancer Registry diagnosticati tra il 1997 e il 2015. Utilizzando lo Utah Population Database, gli autori hanno abbinato fino a cinque individui senza cancro della popolazione generale (8.969 individui in totale) con ogni sopravvissuto al B-NHL, in base a sesso, età e stato di nascita. Hanno identificato gli esiti delle malattie legate all’età attraverso le cartelle cliniche di Intermountain Healthcare e dell’Università dello Utah, insieme ai dati delle strutture sanitarie in tutto lo stato, e hanno stimato il rischio relativo di questi risultati per i sopravvissuti B-NHL più giovani e più anziani (diagnosticati a meno di 65 anni di età o più di 65 anni, rispettivamente) almeno cinque anni dopo la diagnosi del cancro.


I rischi relativi di insufficienza renale acuta, polmonite e carenza nutrizionale erano più alti tra i sopravvissuti al NHL più giovani rispetto a quelli più anziani rispetto alle rispettive coorti di popolazione generale: rispetto alla popolazione generale, il rischio di insufficienza renale acuta era aumentato di 2,24 volte nei sopravvissuti più giovani e 1,13 volte nei sopravvissuti più anziani; il rischio di polmonite era aumentato di 2,42 volte nei sopravvissuti più giovani e di 1,44 volte nei sopravvissuti più anziani; e il rischio di carenze nutrizionali era aumentato di 2,08 volte nei sopravvissuti più giovani e di 1,25 volte nei sopravvissuti più anziani. I ricercatori non hanno osservato differenze di rischio per altre malattie legate all’età come la malattia renale cronica e l’osteoporosi tra sopravvissuti più giovani e più anziani, sebbene i sopravvissuti al NHL abbiano un rischio complessivamente elevato di queste malattie rispetto alla popolazione generale.


Secondo Krista Ocier, prima autrice dello studio, una spiegazione per i risultati dello studio possono essere i regimi di trattamento aggressivi che vengono spesso somministrati ai pazienti più giovani con linfoma non Hodgkin rispetto ai pazienti più anziani. “I nostri risultati supportano anche la possibile necessità di un intervento nutrizionale durante e dopo il trattamento del cancro perché le carenze nutrizionali possono avere un impatto sulla qualità complessiva della vita dei sopravvissuti al B-NHL, specialmente i più giovani, con l’età”. E aggiunge: “la sopravvivenza al cancro è un’importante area di ricerca. Ci auguriamo che il nostro studio sia utile per i pazienti e i loro medici per capire quali malattie possono verificarsi con un’incidenza maggiore dopo il completamento del trattamento e servirà a creare un piano per ottenere un’assistenza e un benessere ottimali durante e dopo il trattamento. “


Fonte:  Cancer Epidemiol Biomarkers Prev

IT-NON-05799-W-11/2023