Malaria: i bambini asintomatici potrebbero mettere a rischio il controllo della malattia

Secondo uno studio pubblicato su The Lancet Infectious Diseases, il ruolo delle persone infette da Plasmodium falciparum che non manifestano sintomi della malattia potrebbe mettere a rischio gli sforzi per controllare la diffusione della malaria.


I ricercatori dell’Infectious Diseases Research Collaboration (IDRC), della London School of Hygiene & Tropical Medicine (LSHTM), del centro medico universitario Radboud e dell’Università della California, San Francisco, hanno scoperto che i bambini asintomatici in Uganda erano la principale fonte di parassiti della malaria trasmessi alle zanzare.


Il Plasmodium falciparum dipende da un ciclo vitale in cui si muove costantemente dall’uomo alle zanzare e viceversa. La sottocontea di Nagongera (distretto di Tororo) nell’est dell’Uganda ha storicamente un’elevata trasmissione della malaria, ma a seguito di intensi sforzi di controllo della malattia, come zanzariere trattate con insetticida e accesso a farmaci antimalarici, i casi di infezioni – almeno quelli sintomatici – sono diminuiti notevolmente.


I ricercatori hanno testato per due anni, in modo regolare, più di 500 persone per rilevare la presenza dei parassiti della malaria. Hanno determinato la composizione genetica dei parassiti, nonché la loro capacità di infettare le zanzare, scoprendo che gli individui asintomatici erano inconsapevolmente responsabili della maggior parte delle infezioni da zanzare mentre persone con infezioni sintomatiche erano responsabili di meno dell’1% delle infezioni da zanzare e sembravano svolgere un ruolo trascurabile nel sostenere la trasmissione.


I bambini in età scolare di età compresa tra 5 e 15 anni erano responsabili di oltre la metà (59%) del serbatoio infettivo, seguiti dai minori di 5 anni (26%) e dalle persone di età pari o superiore a 16 anni (16%). I ricercatori hanno scoperto che solo quattro bambini erano collegati al 60% delle zanzare infette studiate. John Rek, coautore dello studio commenta: “questi risultati aprono davvero gli occhi nella lotta contro la malaria. Abbiamo scoperto che le infezioni nei bambini in età scolare guidano la trasmissione della malaria. Alcuni bambini ospitavano miliardi di parassiti della malaria nel loro flusso sanguigno senza manifestare sintomi”.


Sarah Staedke, coautrice della ricerca, aggiunge: “i bambini in età scolare sono un importante serbatoio di parassiti della malaria. Tale serbatoio può essere controllato attraverso diversi interventi, come un trattamento preventivo intermittente. Ciò andrebbe a beneficio dei singoli bambini e potrebbe ridurre la trasmissione della malaria”.


Comprendere la trasmissione tra i casi asintomatici è particolarmente importante nelle aree in cui il controllo della malaria ha avuto successo: esiste il rischio che la malaria possa ripresentarsi quando le misure di controllo vengono allentate o ritirate. I bambini asintomatici che mantengono la circolazione della malaria a livelli relativamente bassi potrebbero essere sufficienti a causare una rapida ripresa delle infezioni se non vengono mantenuti gli sforzi di controllo.


Fonte: The Lancet Infectious Diseases

IT-NON-05061-W-07/2023