Malati di tumore testa-collo e loro caregiver: percezione della qualità della vita

I caregiver ricoprono un ruolo estremamente importante per le persone che si stanno riprendendo dal cancro della testa e del collo (HNC). Di conseguenza, ridurre al minimo il disagio del caregiver è essenziale per promuovere il benessere sia dei caregiver che dei loro pazienti, garantendo un clima di sostegno.


I ricercatori hanno quindi valutato se il disagio psicosociale (ansia e depressione) presente tra gli operatori sanitari HNC fosse associato a una differenza nel modo in cui gli operatori sanitari e i loro pazienti percepiscono la qualità della vita (QOL) dei pazienti dopo il completamento del trattamento.


L’analisi dello studio si è concentrata sul raccogliere le percezioni dei caregiver e dei pazienti sulla QOL-del-paziente tramite il QOL Questionaire (UWQOL), un questionario adattato in maniera specifica per HNC convalidato.  Il modulo è costituito da due punteggi compositi: un punteggio QOL fisico e un punteggio QOL socio-emotivo. L’ansia del caregiver è stata valutata utilizzando il Generalized Anxiety Questionaire-7 (GAD-7) e la depressione del caregiver è stata valutata utilizzando il Patient Health Questionaire 8 (PHQ-8).  Dopodiché, i pazienti hanno completato l’UWQOL come parte della propria accettazione della clinica, mentre agli operatori sanitari è stato chiesto di compilare in privato l’UWQOL e PHQ-8 e GAD-7.


I risultati ottenuti hanno mostrato che dei47 caregiver reclutati, il 42,6% ha visto la QOL socio-emotiva dei pazienti in modo più negativo rispetto ai pazienti stessi, mentre il 31,9% ha visto la QOL fisica dei pazienti in modo più negativo. Dopo aver analizzato le covariate, le differenze riscontrate nella percezione della QOL socio-emotiva e nella percezione della QOL fisica sono state significativamente associate alla depressione del caregiver, ma non all’ansia. I caregiver che non erano d’accordo con i pazienti riguardo alla QOL socio-emotiva dei pazienti hanno ottenuto 6,80 punti in più sul PHQ8 rispetto ai caregiver d’accordo, mentre i caregiver che non erano d’accordo sulla qualità della vita fisica dei pazienti hanno ottenuto un punteggio di 6,09 punti più alto.


In conclusione, i caregiver generalmente considerano la qualità della vita dei pazienti in modo più negativo rispetto ai pazienti stessi. Questi caregiver tendono a presentare un maggiore disagio psicosociale rispetto ai caregiver che sono d’accordo con i loro pazienti, dimostrando quindi l’assoluta necessità di interventi atti a identificare e aiutare i caregiver più a rischio. L’adozione di una comunicazione facilitata dal provider tra pazienti e caregiver e l’utilizzo del questionario QOL potrebbero perciò risultare utili ai fini di uno screening per identificare i caregiver in difficoltà.


Fonte: Cancro BMC

IT-NON-05710-W-10/2023