Malattia renale cronica: indice combinato per predire la progressione

Secondo uno studio pubblicato su International Urology and Nephrology, la combinazione del rapporto tra colesterolo totale e colesterolo lipoproteico ad alta densità (TC/HDL-C) e il rapporto albumina-creatinina urinaria (ACR) ha un valore predittivo nella progressione della malattia renale cronica e può aiutare a identificare la popolazione ad alto rischio con questa patologia.

“Sebbene la dislipidemia possa causare danni ai reni, è ancora controverso se essa contribuisca in modo indipendente alla progressione della malattia renale cronica (CKD). Noi abbiamo cercato di valutare il valore predittivo dei lipidi sierici e dei loro rapporti nella progressione della CKD” afferma Wei Li, della Huazhong University of Science and Technology, Wuhan, Cina, primo nome dello studio.

I ricercatori hanno studiato 380 soggetti adulti con insufficienza renale cronica di stadio 3-4 (G3-4) al basale per valutarne la progressione dell’insufficienza renale cronica. L’analisi della curva delle caratteristiche operative del ricevitore (ROC) è stata utilizzata per valutare il potere predittivo dei parametri lipidici nella progressione della CKD.

Durante un follow-up mediano di 3,0 anni, 96 partecipanti (25,3%) hanno sviluppato una progressione della malattia renale cronica, e nell’analisi di regressione logistica multivariata il rapporto albumina-creatinina urinaria trasformato in logaritmo (log ACR) e il rapporto tra colesterolo totale e colesterolo lipoproteico ad alta densità sono risultati associati indipendentemente alla progressione della patologia. La curva ROC ha mostrato che il predittore combinato con ACR TC/HDL-C era accettabile per la diagnosi di progressione della malattia renale cronica.

Fonte: Int Urol Nephrol