Malattie mentali: i pazienti aderiscono meno ai farmaci per patologie croniche

L’aderenza alle terapie per malattie croniche è significativamente più bassa tra i pazienti che soffrono di malattie mentali, secondo uno studio italiano pubblicato dalla rivista BJPsychOpen.

I ricercatori hanno condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione, utilizzando i database dell’assistenza sanitaria in Lombardia. Hanno identificato i pazienti trattati con agenti ipotensivi, ipolipemizzanti o ipoglicemizzanti.


Tra questi,  55.162 soffrivano di una grave malattia mentale, stavano ricevendo cure per depressione, schizofrenia, disturbo bipolare o disturbo di personalità. I ricercatori hanno osservato che i pazienti con grave malattia mentale avevano una probabilità inferiore del 24%, del 10% e del 25% di aderire rispettivamente agli agenti ipotensivi, ipolipemizzanti o antidiabetici rispetto a una coorte di riferimento.


Rispetto alla coorte di riferimento, i 9.250 pazienti con diabete e malattie mentali gravi avevano una probabilità ridotta del 18% di soddisfare le raccomandazioni per la gestione clinica del diabete.  


Fonte: BJPsychOpen

IT-NON-05380-W-09/2023